Notizie da Gallipoli

Addetto alle pulizie del Comune con “erba” e cocaina: nuovi guai per sorvegliato speciale

Si sarebbe fatto assegnare proprio la zona mercatale di Gallipoli, per piazzare più velocemente lo stupefacente. Arrestato 36enne

La droga sequestrata a Gallipoli

GALLIPOLI – Il bazar della droga gli è costato l’arresto. Michel Barba, un sorvegliato speciale di 36 anni, residente a Gallipoli, è stato scoperto dai carabinieri della compagnia locale, nella notte, con un chilo e 200 grammi di marijuana, due etti di hashish e una decina di grammi di cocaina.  Sono stati i militari del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia locale ad eseguire il sequestro dello stupefacente, e il successivo arresto di Barba.Quest’ultimo è già sottoposto alla misura della sorveglianza speciale per i reati di detenzione ai fini di spaccio, ricettazione, danneggiamento, rapina, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. E’ inoltre noto alle forze dell’ordine anche per lesioni, furto, evasione, porto e detenzione abusiva di armi.

I carabinieri, infatti, lo tenevano sotto osservazione da ormai qualche settimana, da quando cioè hanno notato che, da qualche tempo, si trovava sempre più spesso in compagnia di tossicodipendenti e  pregiudicati del posto. I quali, oltretutto, spesso sono stati visti nei pressi o addirittura all’interno dell’area mercatale di Gallipoli, nota piazza di spaccio della Città Bella, e poco distante dall’abitazione del Barba, nelle vicinanze. L’attività investigativa si è fatta più articolata quando si è risaliti al fatto che Barba, fino ad un paio di mesi addietro, aveva lavorato per una cooperativa che effettua le pulizie per conto del Comune di Gallipoli. E proprio un accertamento effettuato presso gli uffici comunali ha permesso di evidenziare come il noto pluripregiudicato gallipolino fosse particolarmente “affezionato” a quella zona.barba michel-2

 In qualità di addetto alle pulizie, infatti, gli era stata assegnata proprio l’area mercatale come “zona di competenza”. Visti questi elementi, nella tarda serata di ieri i militari hanno pazientemente atteso, come da qualche settimana a questa parte, l’arrivo dell’uomo che, ormai a notte inoltrata e quando le speranze dei carabinieri stavano per scemare, è comparso sul piazzale deserto. Una volta sceso dalla vettura si è diretto verso un magazzino, di proprietà comunale ed utilizzato per le pulizie dell’area, annesso ai bagni pubblici dell’area mercatale che ha aperto con una chiave che aveva con sé. Questa, evidentemente, ricevuta in ragione del suo ultimo lavoro e poi indebitamente trattenuta. Immediatamente, gli uomini del Norm lo hanno quindi bloccato, proprio mentre repentinamente stava già uscendo dal box.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle richieste dei militari, il 36enne  ha consegnato circa 12 grammi di hashish, suddivisi in tre dosi che aveva nascosto tra i lunghi capelli, convinto che i militari si sarebbero accontentati. Ma così non è stato e, dopo una attenta ed approfondita perquisizione locale, effettivamente, hanno trovato, occultata dietro a quattro grossi bidoni per la raccolta delle acque, una busta della nettezza urbana con all’interno altre buste in plastica contenenti il resto dello stupefacente, due coltelli e un paio di forbici utilizzati per frazionare la sostanza. Questa risultata purissima, e pronta per essere immessa sul mercato gallipolino. Barba è stato accompagnato nel carcere di Lecce, su disposizione del pm Maria Vallefuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Omicidio di Lecce. La criminologa: “Obiettivo dell’assassino entrambi i fidanzati”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento