Sabato, 20 Luglio 2024
Gallipoli Gallipoli

Tentato omicidio a Gallipoli: arrestato nella notte il presunto autore, in casa trovata la pistola

Un 27enne, concittadino del ferito, è stato accompagnato in carcere a seguito di una indagine lampo condotta dai carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce. Le condizioni del 48enne, sottoposto a un intervento chirurgico, restano gravi

GALLIPOLI – È finito in carcere già in nottata il presunto autore del tentato omicidio di Gallipoli: il 27enne Niko Piteo, residente nella Città Bella come il 48enne rimasto ferito, è stato fermato dai carabinieri al termine di una veloce indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce. Gli elementi di prova raccolti durante l’attività investigativa, avviata nel primo pomeriggio di ieri dopo il grave fatto si sangue in una zona popolare della cittadina, hanno portato il giudice a emettere la misura di custodia cautelare in cella.

Negli istanti successivi alla violenta lite, dopo la quale il 48enne è giunto in pronto soccorso con almeno tre ferite da arma da fuoco, i militari hanno avviato tutti gli accertamenti del caso: l’ascolto degli eventuali testimoni, la visione dei filmati estratti dai circuiti di videosorveglianza e, infine, le perquisizioni. Quella eseguita presso l’abitazione dell’indagato ha consentito agli investigatori dell’Arma di rinvenire l’arma compatibile con i colpi che hanno raggiunto la vittima.

Si tratta di una pistola calibro 7,65, legalmente detenuta, finita immediatamente sotto sequestro. Restano al momento sconosciuti i motivi che hanno scatenato una lite tanto violenta, da far partire i colpi d’arma. I carabinieri stanno scavando nel passato dei due coinvolti nel diverbio, avvenuto tra viale Europa e via Varese (ma cominciato ben prima, in una stazione di servizio di via Lecce), per chiarire se il movente possa essere legato a questioni personali o di altra natura. Per ora è difficile stabilire con certezza l’accaduto, anche per l’impossibilità di ascoltare la versione dei fatti del ferito. Di certo c'è che il 27enne, accompagnato presso la compagnia dell?Arma di Gallipoli, è stato accompagnato nel carcere leccese con l'accusa di tentato omicidio.

Restano infatti sotto costante monitoraggio da parte del personale medico le condizioni del 48enne, operato d’urgenza nel pomeriggio di ieri presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Accompagnato in un primo momento in quello di Gallipoli, si era reso necessario l’immediato trasferimento nella struttura per via delle lesioni preoccupanti. Ferito all’altezza del torace e dello stomaco, ora è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato omicidio a Gallipoli: arrestato nella notte il presunto autore, in casa trovata la pistola
LeccePrima è in caricamento