Martedì, 27 Luglio 2021
Gallipoli

Primo colpo di mercato per il Gallo. E Barone attacca il sindaco Errico

La società giallorossa comunica l’acquisto del centrocampista Zaminga che ha giocato diversi campionati di seri C e D. Ma tiene sempre banco la querelle tra il patron e il sindaco. “Nessun aiuto, Errico si assuma le sue responsabilità”

Marcello Barone (foto Marcello Sansò).

GALLIPOLI – Una stagione a dir poco calda per il Gallipoli calcio che nell’attesa di veder sbloccata la situazione sul nodo stadio, pone comunque i primi tasselli per allestire la rosa che dovrà disputare il prossimo campionato di serie D. Sempre che le acque agitate a livello societario, e le frizioni a distanza con l’amministrazione comunale, possano acquietarsi. Il botta e risposta la vetriolo tra il patron Marcello Barone e il sindaco Francesco Errico continua.

Marcature strette e serrate, mentre il direttore sportivo Mino Manta porta a casa il primo colpo ufficiale  di mercato con l’accordo che porterà in casacca giallorossa per la prossima stagione il centrocampista Claudio Zaminga. Questa la prima tessera del mosaico del nuovo Gallipoli affidato alle redini di mister Alessandro Longo. I rumors di radiomercato hanno da tempo segnalato anche un gradito ritorno in riva allo Ionio per “Re Leone”, ovvero Riccardo Innocenti. Ma il tutto sembra al momento congelato in virtù anche dello sblocco della situazione  a livello societario.

E il primo colpo del mercato del Gallo pone un nuovo assist al presidente Barone per replicare a muso duro alla presa di posizione del sindaco ionico. Quest’ultimo, fumante e senza mezze misure, aveva stigmatizzato, e non poco, sulle recenti esternazioni del patron giallorosso relative al disinteresse dell’amministrazioni comunale e anche all’extrema ratio di cedere il titolo sportivo. “L’accordo raggiunto con un calciatore dello spessore di Claudio Zaminga è testimonianza, qualora ce ne fosse ancora bisogno, di come la società sia attiva sul mercato ed abbia voglia di costruire una squadra competitiva per la prossima e impegnativa stagione” dice il presidente Barone, “in questi anni infatti abbiamo imparato a rispondere con i fatti ai nostri detrattori. E questo è stato per noi un vero e proprio marchio di fabbrica essendo riusciti a centrare due promozioni in tre stagioni. I risultati, quindi, sono sotto gli occhi di tutti”.

Poi ecco la nuova ripartenza contro il j’accuse del sindaco Errico: “I nostri risultati gestionali sono sotto gli occhi di tutti” incalza Barone, “così come l’immobilismo verso il Gallipoli da parte delle istituzioni. Il tentativo del sindaco Errico di fare dell’ironia sulle dichiarazioni del sottoscritto non è solo patetico, ma dimostra come il primo cittadino non abbia capito l’essenza del discorso. Tra dimissioni e cessione del titolo sportivo la differenza è netta e notevole. Forse dovrebbe leggere con più attenzione. E se la squadra non giocherà a Gallipoli la colpa sarà da attribuire soltanto a lui, alle strette di mano ed alle false promesse che, da tre anni a questa parte, producono solo fumo negli occhi. E siamo sinceramente stanchi di questa incresciosa situazione”.

Concetti che il patron giallorosso è pronto a ribadire questa sera nel confronto con i tifosi nell’oratorio di San Lazzaro dove ha garantito la sua presenza. L’invito della Curva sud è stato protocollato anche in Comune ed esteso al sindaco Errico, all’assessore Giovanni Fiore e ai dirigenti tecnici che curano il progetto per i lavori dello stadio Bianco, già predisposti e in attesa solo di passare alla fase esecutiva.

“In questi anni di gestione della società” aggiunge il patron del Gallipoli calcio, “le spese sono state sempre ed esclusivamente a carico mio e della mia famiglia, non abbiamo mai ricevuto contributi né ho svolto il ruolo di presidente usufruendo di soldi altrui. Ho semplicemente chiesto al sindaco di organizzare un incontro con l’imprenditoria cittadina, prerogativa che rientrerebbe, peraltro, tra quelle previste dal suo ruolo istituzionale, e non certo di fare una questua tra gli imprenditori. La pochezza di questa considerazione da lui esternata è sconcertante".

"Il sindaco Errico ha affermato, inoltre, di doversi occupare anche di calcio” chiosa e conclude Barone, “forse dovremmo noi dire a lui di prendere in considerazione anche il calcio, dal momento che in queste stagioni la sua è stata un’assenza costante. Tutto ciò da chi non solo ricopre la carica di primo cittadino ma si è sempre professato grande tifoso del Gallipoli. Ed ora ai veri tifosi giallorossi dovrà rendere conto”. In conclusione il presidente del Gallo ha rivolto un caloroso benvenuto ed un sentito in bocca al lupo per la sua nuova esperienza professionale, al nuovo acquisto Zaminga. Il centrocampista, classe 1980, vanta un curriculum di tutto rispetto avendo collezionato quindici campionati tra serie C1 e serie C2, con le maglie di Casarano, Fidelis Andria, Fermana, Vigor Lamezia, Melfi, Catanzaro e Gela, e tre di serie D con Casarano, Brindisi, Licata, Nardò e Vico Equense.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo colpo di mercato per il Gallo. E Barone attacca il sindaco Errico

LeccePrima è in caricamento