Notizie da Gallipoli

Brucia pedane e cartoni, ma le fiamme si propagano spinte dal vento

Nel Gallipolino, il conduttore di un fondo è stato denunciato dai carabinieri forestali. A Melendugno un altro intervento: un uomo deferito per gestione illecita di rifiuti, tra cui lastre di eternit

Il rogo nel fondo a Gallipoli.

GALLIPOLI – Un 45enne di Taviano, M.C., è stato denunciato dai carabinieri della stazione forestale di Gallipoli, per aver causato un incendio e con esso aver creato un potenziale pericolo per la pubblica incolumità.

L’uomo, che risulta essere il conduttore di un fondo agricolo, stava bruciando cartoni e pedani in legno, fatto di per sé contro le norme, quando il vento ha alimentato le fiamme che si sono propagate tutto intorno, intaccando alberi e altro materiale, tra cui tubazioni in plastica, contenitori di polistirolo.

Episodi come questi, purtroppo, sono più frequenti di quanto previsto. Alcuni hanno origine nella noncuranza e nell'incoscienza, altri nella volontà deliberata e, tutti insieme, contribuiscono ad aggravare il carico di lavoro, già oneroso, dei vigili del fuoco: solo qualche giorno addietro su questa testata si dava conto della nube di fumo, levatasi da uno o più roghi nei campi,che aveva costretto gli abitanti di Leverano a rimanere in casa per ore, ma anche delle decine di chiamate che ogni giorno giungo al comando provinciale dei pompieri per incendi di ulivi colpiti dal disseccamento rapido e terreni incolti.

Melendugno: deposito incontrollato di rifiuti

A Melendugno i militari della stazione forestale di Otranto hanno deferito C.D.G., un 64enne del posto, per gestione non autorizzata e deposito incontrollato di rifiuti, pericolosi e non, costituiti in prevalenza da materiale plastico, rottami ferrosi, pneumatici e lastre di eternit, il tutto accatastato su un terreno di sua proprietà.

FORESTALI DISCARICA-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento