Sabato, 31 Luglio 2021
Gallipoli

Pupi e tradizione dei fuochi. Aprono i nuovi “Cantieri del Capodanno”

Costituita la nuova realtà associativa che raggruppa i sodalizi impegnati nell’organizzazione degli eventi legati al tradizionale sparo dei pupi. Tra i fondatori Ampalea dei Leoni, Agriger, gruppo via Varese e gruppo Centro Storico

GALLIPOLI - Arte, cultura e tradizione esplodono grazie alla nuova associazione dei “Cantieri del Capodanno di Gallipoli”. E non si tratta di un battesimo del tutto anacronistico rispetto ai festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno, bensì dell’avvio di una nuova stagione per promuovere e coordinare le iniziative legate alla tradizionale festa di pupi che caratterizza il periodo delle feste natalizie in riva allo Ionio. E così alla fine di gennaio ecco materializzarsi la nuova realtà associativa che raggruppa i vari sodalizi di quartiere già impegnati singolarmente nell’allestimento dei pupi esplodenti di fine anno, delle focareddhe e di diverse iniziative artistiche, folkloristiche e culturali legate alle tradizioni veraci gallipoline. I suoi fondatori sono le associazioni  Ampalea dei Leoni,  Agriger, il gruppo di Via Varese e il gruppo Centro Storico.     

L’associazione “Cantieri del Capodanno” si propone di tutelare, promuovere e diffondere l’evento di fine ed inizio anno a Gallipoli, con il folcloristico rito dell’accensione dei “Pupi di Capodanno”, quale tradizione popolare gallipolina. Contribuendo così, e preservando, i suoi valori originari per una contemporanea e futura fruizione per le nuove generazioni, creando continuità senza la quale le antiche tradizioni e patrimoni culturali della cittadina ionica non avrebbero futuro. La nuova associazione vuole riunire, e già sta operando in tale direzione, tutte le realtà di giovani e meno giovani che realizzano le opere in cartapesta per il capodanno gallipolino, creando così un unico nucleo dove si discutono le varie problematiche che ogni gruppo affronta ad ogni edizione, facendo nuove proposte per stilare un unico programma completo del capodanno gallipolino e degli eventi legati ai suoi “pupi”.

logo-9-9“Ormai questa tradizione per Gallipoli è diventata qualcosa di davvero importante” commentano i fondatori dei Cantieri, “e vogliamo farla crescere, arricchendola in campo artistico e nell’organizzazione di eventi d’intrattenimento, richiamando di anno in anno, come già da anni i gruppi singolarmente hanno fatto, sempre più turisti e visitatori destagionalizzando così il solito turismo estivo. Spinti da un forte fervore ed attaccamento alle tradizioni in particolare quella della realizzazione e l’accensione dei Pupi di capodanno correva l’ obbligo e il piacere di creare un unico sodalizio che vede come soci fondatori i gruppi che da anni curano il capodanno e hanno preservato tale tradizione. Rimaniamo aperti al dialogo per una collaborazione futura con l’amministrazione comunale, con la Pro loco di Gallipoli e le varie realtà esistenti sul territorio”.

L’associazione gallipolina dei “Cantieri del Capodanno” è presieduta da Achille Maggino, e del direttivo fanno parte il vicepresidente Giuseppe Chetta, i consiglieri Cosimo Perrone, Cosimo Carrozza, Patrizio Pugliese, il segretario Fernando Perrone, e i revisori dei conti Gianfranco Scialpi e Lorenzo Benbi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pupi e tradizione dei fuochi. Aprono i nuovi “Cantieri del Capodanno”

LeccePrima è in caricamento