Sabato, 13 Luglio 2024
Gallipoli Gallipoli

“Mancano oss e infermieri in Oncologia e Ostetricia”: sindacato sollecita i vertici sanitari

Le gravi carenze sono state denunciate dalla Cgil di Lecce relativamente ai due reparti dell’ospedale “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli

GALLIPOLI – Dopo le criticità del pronto soccorso dell’ospedale di Lecce, la Fp Cgil denuncia anche quelle del ”Sacro Cuore” di Gallipoli. Carenza di infermieri e oss in primis. Mancanza di personale che, stando al sindacato, si registrerebbe soprattutto in Ostetricia e Oncologia, due reparti che necessitano di turnazione h24 per garantire la continuità assistenziale ai pazienti.

“Si evince come la Direzione sanitaria del nosocomio di Gallipoli abbia provveduto più volte a richiedere personale per sostituzione malattie/ maternità e copertura di lunghe assenze, a ciò si aggiunge che per il reparto di Oncologia sono stati disposti trasferimenti verso altre strutture della Asl, in particolare personale infermieristico, mai sostituito”, scrivono Floriano Polimeno, segretario della Funzione pubblica.

All’organizzazione sindacale sarebbero pervenute  segnalazioni secondo le quali al personale in servizio sarebbe stato chiesto di rinunciare al giorno di riposo dopo lo smonto notte. Sarebbe stato inoltre preso del personale da altri reparti in straordinario, facendo spesso una turnazione di 12 ore di lavoro in due reparti differenti. “In Oncologia, ci segnalano come i turni siano composti da un Oss e un infermiere o due infermieri senza oss, con la possibilità che un infermiere si stacchi e vada a fare un trasporto esterno per un esame diagnostico lasciando il reparto ad un solo collega”, prosegue il sindacalista che, nelle scorse ore, ha sollecitato i vertici sanitari e ospedalieri alla ricerca di una immediata soluzione, soprattutto in vista dell’estate.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mancano oss e infermieri in Oncologia e Ostetricia”: sindacato sollecita i vertici sanitari
LeccePrima è in caricamento