menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carrello della solidarietà pronto per Pasqua: alimenti e colombe per 500 famiglie

L’iniziativa sospinta da commercianti, volontari e dal Comune di Gallipoli continua a ricevere provviste e doni da distribuire alle famiglie in difficoltà. Si valutano domande per buoni spesa

GALLIPOLI - Il carrello della solidarietà continua a riempirsi di donazioni e provviste consistenti da smistare alle famiglie in gravi difficoltà e saranno oltre 500 le richieste di aiuto e sostegno alle quali l’associazione dei commercianti, il comune di Gallipoli, le associazioni di protezione civile e i tanti volontari in campo cercheranno di dare adeguata risposta nella settimana di Pasqua. L’iniziativa solidale, nata da un’idea di Franco Errico e Paolo Demitri, e veicolata sulla pagina social  “Succede a Gallipoli”, e alla quale ormai danno sostrato diverse realtà cittadine, dal sindaco Stefano Minerva, all’associazione commercianti e imprenditori presieduta da Matteo Spada, all’associazione Paolo Pinto, alla protezione civile Cir e da tanti giovani volontari che sono la vera leva operativa, prende sempre più quota.

E sono tante le adesioni e le donazioni di beni alimentari o le quote versate (sulle pagine facebook dei sodalizi coinvolti si possono reperire le coordinate iban dedicate alla campagna del carrello della solidarietà) per l’acquisto di derrate e prodotti ortofrutticoli che continueranno ad essere distribuiti alla famiglie bisognose. Non mancherà anche il dolce pasquale, per rendere mano amara la giornata di festa: nelle ultime ore i responsabili di un supermercato cittadino e di un noto caseificio hanno riversato nel carrello solidale quasi 250 confezioni di colombe e dolci tipici che saranno consegnate insieme ai beni di prima necessità.

Oltre alle donazioni di tutti i commercianti era stato chiesto agli stessi di versare la quota associativa a sostegno del carrello della solidarietà, ma la risposta degli esercenti è stata molto più sostanziosa e in tanti hanno contribuito a mettere a disposizione provviste e merce in quantità. Ultimamente anche venti pedane di alimenti vari sono state fornite da commercianti al dettaglio e all’ingrosso di carni e altri beni alimentari. Presso la sede comunale e delle associazioni che hanno costituito la rete del carrello della solidarietà in questi giorni è stato possibile ritirare anche il modulo per la richiesta del buono spesa messo a disposizione con i fondi nazionali della protezione civile, le domande prevenute in Comune (il termine era fissato entro le 12 di oggi) verranno valutate dagli uffici dei Servizi sociali secondo i criteri stabiliti dalle norme governative per la formulazione dell’elenco per gli idonei che riceveranno il benefit economico per fare la spesa.

L’amministrazione  comunale aveva già destinato oltre 15 mila euro per il sostegno delle famiglie e consegnato i primi buoni alla protezione civile Cir. Il sindaco Stefano Minerva e l’assessore al welfare, Angelo Mita, hanno comunicato che l’amministrazione ha già disposto lo stanziamento di altri 100 mila euro per buoni spesa (fino a 100 euro ciascuno) da distribuire a tutti coloro che hanno bisogno di trascorrere una Pasqua felice senza farsi mancare un piatto di pasta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento