Gallipoli

Pubblicità “tagliente” per servizio taxi e noleggio. Sanzioni dei vigili

Singolare ritrovamento della pattuglia della polizia locale impegnata nei controlli delle locandine selvagge e la pubblicità abusiva. Nella Baia Verde apposto un cartello con lamette da barba ai lati per impedirne la facile rimozione

Uno degli "originali" cartelli pubblicitari, a Gallipoli.

GALLIPOLI – Stagione estiva ormai arrivata e intensificazione dei controlli per contrastare il proliferare di locandine selvagge e pubblicità abusive. Sventolate e appiccicate in ogni dove per reclamizzare eventi e servizi per i turisti. E un singolare episodio è venuto fuori in queste ore nell’ambito dei controlli specifici della polizia locale di Gallipoli impegnata nell’attività di contrasto dell’abusivismo commerciale e della pubblicità selvaggia predisposta dall’assessorato al ramo guidato da Antonio Piteo, dal neo presidio del centro storico e dal comando di via Pavia.       

Gli agenti della municipale hanno rinvenuto un cartello pubblicitario con indicazione di un servizio taxi apposto in maniera arbitraria su un segnale stradale che insiste sul viale dei Tigli nella marina della Baia Verde. Fin qui tutto sembrava rientrare nell’ottica del ritrovamento del consueto cartello abusivo dei vari servizi di trasporto o noleggio con conducente che affollano diverse zone della città e per i quali è stato istituito il relativo servizio della pattuglia dei vigili preposti al controllo. Non a caso in questa prima metà di giugno numerosi sono stati i verbali redatti dai vigili per contestare l’affissione e la pubblicità abusiva comparsa su cestini, pali della luce, segnali stradali, cassonetti e quant’altro. La singolarità, alquanto pericolosa, del cartello scovato e poi rimosso nella Baia Verde sta nel fatto che lo stesso era stato posizionato utilizzando delle lamette da barba sui lati per garantire maggiore presa e soprattutto impedire la facile rimozione del “nuovo segnale di indicazione taxi e navetta”. Solo per puro caso nessuno si è tagliato o ha subito danni nel tentativo di rimuovere il “tagliente” cartello.image (1)-5-6

Utilizzando gli stessi numeri telefonici indicati sulla tabella pubblicitaria gli agenti della polizia locale hanno convocato i possibili proprietari del cartello che, dinnanzi all’evidenza, hanno confermato di aver posizionato il messaggio pubblicitario senza alcuna autorizzazione, ma nel contempo hanno escluso di aver utilizzato le lamette taglienti che sarebbero quindi state apposte successivamente da qualcun altro al momento ignoto. Per i due noleggiatori del servizio navetta è scatta la diffida a non apporre pubblicità abusiva e una multa elevata dai vigili. Dal comando di via Pavia rammentano che in relazione all’articolo 23 del codice della strada coloro che si rendono responsabile dell’affissione di pubblicità abusiva su segnali o quant’altro di pertinenza della sede stradale pubblica vengono puniti con una sanzione di 423 euro. I controlli continueranno anche nei prossimi giorni e si prevedono piogge di multe in arrivo.                     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblicità “tagliente” per servizio taxi e noleggio. Sanzioni dei vigili

LeccePrima è in caricamento