Gallipoli

Commercianti “realizzano” piste ciclabili e marciapiedi all’ingresso della città

Nuove proposte dell'associazione dei negozianti di Gallipoli per rendere funzionale e sicura via Lecce e le zone adiacenti. Totem, panchine e isole ecologiche per corso Roma

Uno scorcio dell'ingresso di Gallipoli

GALLIPOLI – Nuove idee e progetti per migliorare l’arredo urbano e fornire servizi primari e sicurezza anche per la viabilità cittadina. Continua l’azione sinergica promossa dall’associazione dei Commerciati e imprenditori di Gallipoli con il Comune tesa a promuovere nuove strategie di sviluppo con ricaduta reale sul territorio e sulle categorie economiche della città. E il tutto fornendo anche idee e programmi a costo zero per l’amministrazione pubblica. Una delle ultime iniziative in cantiere, e promosse dal sodalizio presieduto da Matteo Spada (e che conta ormai oltre 220 adesioni), riguarda la riqualificazione dell’ingresso nord di via Lecce e le arterie che collegano le località di Rivabella e la provinciale per Sannicola in prossimità del mercato ittico all’ingrosso e dell’istituto scolastico Vespucci. Una proposta progettuale posta all’attenzione anche del commissario straordinario Guido Aprea e del suo vice Vincenzo Calignano.

Il piano di riqualificazione realizzato dall’associazione in collaborazione con la società Tekno costruzioni di Italo Tricarico, prevede la realizzazione di una pista ciclabile su un lato della carreggiata,  e la costruzione di un marciapiede dall'altro, unitamente al rifacimento dei muretti a secco, e l’allestimento di un viale alberato e di illuminazione degna dell'ingresso di una città che accoglie da sempre milioni di visitatori. “Induce alla riflessione” commenta il presidente dell’associazione commerciati, Matteo Spada, “che una città come Gallipoli che nel periodo estivo può contare più biciclette in giro di tante altre città, come ad esempio Ferrara, non abbia messo a disposizione dei suoi avventori neanche un metro di pista ciclabile, almeno nei tratti più pericolosi e di collegamento tra le diverse località all'interno dello stesso perimetro cittadino. E non è cosa di poco conto se pensiamo ai tanti campeggi e strutture ricettive nella zona di Rivabella e quindi il flusso di vacanzieri in movimento verso il centro cittadino in sella alle due ruote”. Da qui la necessità ravvisata di implementare, o meglio realizzare ex novo, dei percorsi dedicati ai ciclisti, partendo dall’ingresso principale della città bella.Immagine4-2

Progetto che si interseca con la messa in sicurezza delle strade limitrofe di collegamento come la provinciale per Sannicola sulla quale transitano invece centinaia di adolescenti che ogni mattina, uscendo dall'istituto scolastico della zona, percorrono quel tratto di strada tra le sterpaglie a bordo corsia, senza poter usufruire almeno di un marciapiede. Un’iniziativa quest’ultima che ha incontrato il favore dei commissari del governo cittadino che stanno valutando se sussistono i requisiti per inserire tale intervento nel "Patto integrato per la sicurezza e lo sviluppo" coinvolgendo tutti gli enti interessati e primo tra tutti la Provincia.

Ma le idee e le proposte dei commerciati non si fermano qui. Nuove panchine, totem dotati di posacenere, e anche la realizzazione di isole ecologiche con contenitori per la raccolta differenziata e con distributore di sacchetti igienici per la raccolta degli escrementi degli amici a quattro zampe, è la sintesi di un’altra proposta progettuale illustrata nei giorni scorsi, nell’ambito della riunione dei commercianti presso il teatro Tito Schipa,  dall’architetto Antonio Ferilli e che interessa da vicino il corso Roma e le sue piazze. “La proposta che verrà in questi giorni sottoposta all’attenzione del commissario Aprea” spiega il presidente dell’associazione di categoria cittadina, Matteo Spada, “prevede l’installazione di circa 70 nuove panchine di design e di totem ad orologio con posacenere incorporati, quest’ultimi in punti strategici delle principali piazze della città. Importante anche la previsione di installare trenta isole ecologiche con contenitori per la raccolta differenziata ed attrezzate con un distributore di sacchetti igienici per gli escrementi dei nostri animali da compagnia. Il servizio sarebbe reso da società private senza costituire un aggravio per il bilancio del Comune” evidenzia Spada, “attraverso una sorta di permuta si garantirebbe infatti agli imprenditori del settore di ripagarsi l’opera resa vendendo lo spazio pubblicitario previsto sugli elementi di arredo. Con un’apposita convenzione sarebbero riservati ai soci della nostra associazione degli sconti sui banner pubblicitari. E questa sarebbe solo la prima fase” conclude il presidente del sodalizio dei commercianti, “in quanto si auspica che un siffatto intervento possa replicarsi anche in altre zone della città, quali il lungomare e le strade del centro storico”. In occasione dell’incontro con il commissario straordinario la delegazione di commercianti e imprenditori  locali aprirà anche un dialogo in merito alla gestione del verde pubblico. Nell’ambito della prima riunione dell’associazione Commercianti e imprenditori di Gallipoli si è provveduto alla nomina del consiglio direttivo che oltre al presidente Matteo Spada è ora composto anche da Achille Maggino, Federico Stefanelli, Luigi Freddo, Christian Scorrano e Stefania Passaseo.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercianti “realizzano” piste ciclabili e marciapiedi all’ingresso della città

LeccePrima è in caricamento