Sabato, 24 Luglio 2021
Gallipoli

Soluzioni per il depuratore. Comune convocato in commissione regionale

Il 12 giugno nella V Commissione Ambiente il nodo dello scarico a mare e le possibili soluzioni tecniche sul recapito finale dei reflui. Errico sbotta: "Speriamo che non sia la solita gita fuori porta. Voglio decisioni definitive"

Il depuratore di Gallipoli

GALLIPOLI - Dal tavolo tecnico a quello politico per affrontare da vicino la questione degli scarichi a  mare e della piattaforma depurativa di Gallipoli. Se ne riparlerà il prossimo 12 giugno in seno alla V commissione regionale Ambiente e territorio, convocata dal presidente Donato Pentassuglia, e alla quale sono stati chiamati a partecipare anche i rappresentanti istituzionali di Gallipoli, Alezio, Sannicola e Tuglie. E all’audizione saranno anche presenti agli assessori regionali alla Qualità del territorio, Angela Barbanente, all’Ambiente, Lorenzo Nicastro ed alle Risorse agroalimentari, Fabrizio Nardoni.

Dopo il tavolo tecnico delle scorse settimane in terra gallipolina dove sono state indicate alcune delle soluzioni  per risolvere il problema degli sversamenti in mare sottocosta la questione torna sul tavolo della politica regionale come sollecitato anche dal gruppo consiliare Pdl, e dai consiglieri Salvatore Negro (Udc) e Antonio Galati (Sel).

E dal tavolo e dal sopralluogo in terra gallipolina erano già emerse alcune indicazioni di massima che è ragionevole ritenere saranno ora ripresentate in sede di discussione nella commissione Ambiente chiamata ad affrontare anche la questione del recapito finale dell’impianto di affinamento di Barletta, oltre alle questioni dei depuratori di Gallipoli e Pulsano. Sul litorale nord gallipolino con la soluzione della condotta sottomarina quasi definitivamente posta in archivio, ora si spinge sempre più verso il potenziamento dell’impianto di affinamento e sulla fitodepurazione. Nel recente sopralluogo tecnico con i referenti della Regione, di Acquedotto pugliese, Comune e Consorzio di bonifica si è discusso del potenziamento della fase di affinamento e di come utilizzare le acque affinate al fine di massimizzare il riutilizzo della risorsa idrica.

Nelle scorse ore invece ecco la nuova convocazione e la richiesta di partecipazione del Comune gallipolino, inoltrata da parte del presidente della commissione Donato Pentassuglia, per il confronto politico in Regione. “L’auspicio è che tutto non si risolva in una inutile gita fuori porta a Bari” commenta il sindaco Francesco Errico, “caratterizzata da un ennesimo tavolo tecnico, utile solo a rinviare sine die la soluzione finale del problema”. Una convocazione presso la sala “Guaccero” al secondo piano della sede del Consiglio  regionale che, a quanto reso noto dal Comune, è giunta poco dopo la lettera congiunta firmata dal primo cittadino ionico e dal presidente della Provincia, Antonio Gabellone, indirizzata al presidente della regione, Nichi Vendola, volta proprio a trovare una soluzione definitiva per l’annoso tema della depurazione cittadina.

“Sulla questione la posizione del Comune di Gallipoli è stata, sin dal primo momento, estremamente chiara e netta” rammenta il sindaco Errico, “l’obiettivo principale è quello di garantire a Gallipoli ed al territorio una risposta capace di coniugare le esigenze di natura ambientale con quelle legate alla salvaguardia del nostro mare, anche per ovvie e consequenziali ragioni legate all’immagine della città e quindi al nostro turismo. Un discorso che perseguiamo anche nel rispetto di un deliberato votato all’unanimità dal nostro Consiglio comunale sulla condotta sottomarina e forti di una causa che ha accolto le nostre ragioni. Non siamo affezionati a nessuna soluzione finale” conclude il primo cittadino, “e siamo aperti e disponibili al dialogo, ma su due punti non intendiamo assolutamente derogare: il primo, come detto, è rappresentato dalla necessità di tutelare il nostro mare e di cancellare il divieto di balneazione che sfregia la nostra costa. Il secondo è dato dalla necessità di trovare prontamente una soluzione compiuta al problema, evitando tediosi ed inutili rinvii”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soluzioni per il depuratore. Comune convocato in commissione regionale

LeccePrima è in caricamento