rotate-mobile
Sigilli a tavolini e sgabelli / Gallipoli

Concessione revocata, ma continuava l'occupazione del suolo pubblico: sequestro

Nel centro storico di Gallipoli agenti di polizia di Stato e locale e militari della guardia di finanza per controlli straordinari. Verifiche in corso su altre attività. Sostanze stupefacenti: tre giovani milanesi nei guai

GALLIPOLI - Nel centro storico di Gallipoli sono stati sequestrati tavolini, sgabelli e arredi che erano stati sistemati in strada dal titolare di un’attività commerciale.All’uomo, che sarà denunciato all’autorità giudiziaria, erano state già notificate diverse ordinanze di ripristino dei luoghi in seguito alla revoca della concessione di suolo pubblico.  

Il personale interforze intervenuto (agenti di polizia di Stato e locale e militari della guardia di finanza) ha constatato anche che, a fronte dell’attività consentita di sola vendita di cibo e bevande, veniva svolta anche quella di somministrazione con servizio al tavolo, violando così un divieto che gli era stato imposto in conseguenza di precedenti controlli.

In riferimento sempre al centro storico, dovranno essere fatti accertamenti da parte del commissariato locale su una seconda attività, sia rispetto al possesso dei titoli abilitativi all’esercizio, sia rispetto all’occupazione di suolo pubblico.

Un’altra verifica, infine, ha interessato un negozio mobile per la vendita di panini e bibite, posizionato su uno stallo a uso commerciale nei pressi del campo sportivo, su Lungomare Galilei. L’esercente è stato sanzionato per occupazione abusiva della strada con tavoli, sedie e ombrelloni mentre ulteriori accertamenti saranno fatti riguardo al possesso o meno dei titoli necessari per l’utilizzo del posteggio.

Nel bilancio dei controlli fatti in settimana si inseriscono anche una sanzione nei confronti di un esercente, che sarà segnalato all’Agenzia delle Entrate, per mancata emissione dello scontrino e l’individuazione di cinque lavoratori le cui posizioni saranno verificate. Un parcheggiatore abusivo, infine, è stato colto in flagrante dai finanzieri in borghese nei pressi della Madonna del Canneto. L’uomo è stato sanzionato e gli è stato sequestrato il denaro considerato provento dell’attività.

Sostanze stupefacenti: in tre nei guai

Anche lo spaccio di sostanze stupefacenti è finito nella rete dei controlli straordinari: agenti del commissariato e del Reparto prevenzione crimine di Lecce hanno arrestato a Gallipoli due ventenni e denunciato un 21enne, tutti della provincia di Milano.

I primi due sono stati fermati per strada e trovati in possesso di una modica quantità di hashish. Il loro atteggiamento ha indotto i poliziotti a fare una perquisizione nell’appartamento che i giovani avevano preso in affitto e sono stati trovati 90 grammi della stessa sostanza e oltre 2 di cocaina insieme a un bilancino di precisione e banconote di piccolo taglio. Il pubblico ministero ha convalidato gli arresti domiciliari, mettendo in libertà i giovani in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

Il terzo è stato invece trovato in possesso di un pezzo di hashish di circa 24 grammi, che era custodito in uno zainetto. Il 21enne è stato denunciato per detenzione di sostanza stupefacente.

Foto 1-54

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concessione revocata, ma continuava l'occupazione del suolo pubblico: sequestro

LeccePrima è in caricamento