Mercoledì, 22 Settembre 2021
Gallipoli Gallipoli

Consulte ko e interrogazioni ignorate. Gallipoli Futura diserta assise e scrive al prefetto

Ultimo strappo tra Fasano e Minerva: il gruppo consiliare non sarà presente in consiglio per protesta. “Prepotenza politica, non inseriti i quesiti su Porto Gaio e parcheggi estivi”. Nota in prefettura per lamentare anche l’assenza degli organi di quartiere istituiti e mai partiti

GALLIPOLI - Ultimi strappi di fuoco in consiglio comunale tra la maggioranza del sindaco Stefano Minerva  e  il gruppo  consiliare di Gallipoli Futura. Interrogazioni escluse, consulte di quartiere mai attivate, e rimostranze sul tavolo del prefetto.

Un nuovo scontro preannunciato dai consiglieri Flavio Fasano e Giuseppe Cataldi che per protesta non presenzieranno ai lavori del consiglio convocato per la giornata di martedì, 27 luglio, dal presidente dell’assise, Rosario Solidoro, per la trattazione di sei punti all’ordine del giorno tra variazioni ed equilibri di bilancio e la presa d’atto della delibera regionale che approva la variante urbanistica al Prg per la legittimazione delle aree parcheggio della stagione estiva.

Ma Gallipoli Futura lamenta ancora una volta un atto di “arroganza” politica del sindaco Minerva e della sua maggioranza per il mancato inserimento nei punti in discussione delle due interrogazioni che i consiglieri Fasano e Cataldi avevano presentato già nella scorsa seduta di fine giugno.

Interrogazioni per le quali il gruppo di Gallipoli Futura, a norma di regolamento, attendeva le relative risposte scritte e la trattazione al primo consiglio utile. I due quesiti riguardavano tra l’altro, in un caso, proprio la tematica delle aperture dei parcheggi temporanei lungo il litorale. L’altro tema era quello invece inerente la conferenza dei servizi per il progetto di ampliamento della darsena di Porto Gaio e sulla quale il Comune aveva comunicato la sua posizione nella seduta in Regione del 29 giugno scorso e fortemente contesta dal gruppo di opposizione del candidato sindaco della coalizione di Gallipoli Futura.    

“Questa consiliatura si chiude con l’ennesima dimostrazione di arroganza di un sindaco che arriva a non Flavio Fasano-10iscrivere, come invece il regolamento imponeva, due interrogazioni presentate nelle scorsa seduta e che dovevano essere discusse in questa convocazione” lamenta il capogruppo Flavio Fasano, “abbiamo scritto al prefetto significando anche il mai rispettato coinvolgimento della minoranza consiliare, né della città stessa, segnalando come il sindaco Minerva, che con delibera del 30 novembre 2016 istituì le consulte di quartiere, non le abbia di fatto mai costituite”.

Violazioni lamentate che i due consiglieri di Gallipoli Futura, unitamente alla mancata trattazione delle interrogazioni, hanno deciso di segnalare ancora una volta al prefetto Maria Rosa Trio.

“La nostra forza è il popolo gallipolino che in questi lunghi  cinque anni ci è stato sempre vicino ed abbiamo costituito per tutta la città l’unica forza democratica al servizio dei bisogni collettivi, per questo il nostro motto del programma elettorale è Gallipoli, città-comunità” conclude Fasano, “abbiamo aperto la campagna elettorale con una forte e significativa iniziativa di piazza lo scorso 4 luglio e continueremo ad essere sempre presenti, soprattutto in questo momento di difficile convivenza a causa di quello che ormai definiamo un turismo d’assalto che impedisce ai residenti di viversi la propria città ormai espropriata da presenze incontrollate di gruppi di vacanzieri senza scrupoli”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consulte ko e interrogazioni ignorate. Gallipoli Futura diserta assise e scrive al prefetto

LeccePrima è in caricamento