Gallipoli

Coppia litiga in hotel, trovata droga. E in spiaggia pugni sul naso a un turista

Scene di ordinaria follia estiva. In un albergo due romani hanno iniziato a infastidire tutti urlando. All'arrivo della polizia, trovati cocaina e hashish. E sulla Purità, un gallipolino ha aggredito un varesotto che si stava lamentando per gli schizzi d'acqua con la palla sull'anziana madre malata

La Purità.

GALLIPOLI – Dal chiuso di una stanza d’albergo alla spiaggia pubblica, non c’è scenario in cui non possano scoccare scintille, in questa rovente estate. E a Gallipoli, dove la calca è tanta e le situazioni disparate, ecco che ne avvengono di cotte e di crude.

Protagonisti, nel bene o nel male, sono soprattutto i turisti. Come nel caso di due romani– lui 43enne, lei 40enne - che per motivi del tutto personali, le classiche incomprensioni e comunque questioni piuttosto riservate, hanno però iniziato a rendere pubblici i propri problemi, con urla e insulti, atti d’isterismo che hanno provocato disagio e fastidio agli altri ospiti e al personale stesso.

Per farla breve, riportare la calma è stato perfettamente inutile, se non con l’intervento di una volante di polizia. La direzione ha infatti deciso di dare un taglio alla questione. E qui è arrivato il bello. Perché quando i poliziotti hanno fatto ingresso nella stanza, ed hanno provato a fare da pacieri, hanno notato che i due erano ovviamente alterati, ma forse non solo per la lite. C’era dell’altro, all’interno. Già, stupefacenti. Un paio di piste di cocaina e circa 30 grammi di hashish. Apriti cielo. Quando la donna ha riferito ai poliziotti di aver ricevuto la sostanza stupefacente dal compagno, gli ha praticamente spianato la strada per una denuncia a piede libero dovuta proprio alla cessione.

Un’altra vicenda decisamente turistica arriva poi direttamente dalla spiaggia, e non una qualunque, ma dal tratto più suggestivo, quello visto milioni di volte nelle cartoline: la Purità (Puritate, nel dialetto locale). E pensare che il nome e il paesaggio dovrebbero ispirare pace.

Qui, ieri pomeriggio, s’è invece scatenato un putiferio quando due uomini, sui 45 anni circa ciascuno, uno di Varese, l’altro gallipolino, hanno iniziato a battibeccare per via di giochi in acqua con il pallone che provocavano schizzi. Il guaio è che il turista si trovava con un atro fratello e soprattutto con l’anziana madre, quest'ultima con problemi di salute. Ed era proprio sopra di quest’ultima che stava finendo di continuo l’acqua.

Uno dei figli s’è quindi rivolto al gruppetto di gallipolini chiedendo un paio di volte di smetterla o quantomeno di allontanarsi, fin quando uno di questi, stufo dei rimproveri, non ha deciso di spiegare le proprie ragioni mollando un pugno in pieno volto dell’uomo di Varese, con tanto di grosso anello al dito che ha fatto il suo bell'effetto e condendo il gancio da pugile con qualche parola non proprio amichevole nei confronti dei turisti che affollano la città.

Il malcapitato è finito per terra, perdendo sangue e con una sonora frattura. Medicato presso il pronto soccorso del “Sacro Cuore”, ha poi sporto denuncia negli uffici del commissariato di Gallipoli. Il presunto aggressore è stato identificato dagli uomini diretti dal vicequestore aggiunto Emilio Pellerano e nelle prossime ore sarà denunciato a piede libero per lesioni aggravate. E pensare che se la vittima avesse telefonato subito al 113, probabilmente sarebbe scattato l’arresto in flagranza.       

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppia litiga in hotel, trovata droga. E in spiaggia pugni sul naso a un turista

LeccePrima è in caricamento