Notizie da Gallipoli

Coppia ruba abiti, poi il marito torna in negozio: ad attenderli la polizia

Il furto di cinque maglie griffate nel pomeriggio di ieri, a Gallipoli. Nei guai sono finiti marito e moglie di origini ungheresi: denunciati

Le t-shirt rubate.

GALLIPOLI – Chiedono alla commessa di dare un’occhiata ai capi griffati della nuova collezione. Poi, però, rubano alcuni indumenti: presi e denunciati. Si tratta di due cittadini ungheresi, fermati nel pomeriggio di ieri, in pieno centro a Gallipoli. I due, infatti, si trovavano all’interno di un esercizio di Corso Roma, quando si sono impossessati di alcuni capi che la dipendente aveva esibito sul bancone. Hanno infatti distratto la commessa, chiedendole di provarne alcuni, poi l’uomo ha nascosto la merce. La donna chiedeva, in lingua inglese, di poter provare in camerino prima quello, poi quell’altro abito. In questo modo, la vittima è andata in confusione e la coppia di ladri ha avuto gioco facile.

I due sono usciti, alla fine, senza acquistare nulla. Ma l’uomo indossava già alcune t-shirt trafugate poco prima. Il titolare del negozio, chiarito l’accaduto, si è rivolto alla polizia. Ma a dare uno scossone alle ricerche dei ladri, è stato proprio l’autore del furto: non contento, è infatti ritornato nello stesso negozio, con la scusa di rivedere ulteriori capi di abbigliamento. Ma tra i clienti, ad attenderlo, vi erano due poliziotti in borghese. Ha tentato inutilmente la fuga a piedi, per alcuni chilometri, nel centro di Gallipoli.

I poliziotti dopo un inseguimento a piedi sono riusciti a bloccarlo assieme alla moglie che, nel frattempo, aveva cercato di passare inosservata sedendosi nella propria autovettura parcheggiata nei pressi del negozio. Recuperate le cinque magliette griffate, che poi sono state consegnate al titolare del negozio, la coppia ungherese è stata denunciata per furto aggravato dalla destrezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Tentano rapina a commercialista al rientro a casa. Reagisce e fuggono

Torna su
LeccePrima è in caricamento