Lunedì, 15 Luglio 2024
Gallipoli

Differenziata, troppe criticità. Comune e amministratori di condominio studiano correttivi

Ancora conferimenti sbagliati e il caos sulla raccolta nei mesi estivi stanno rallentando il processo virtuoso con aumento dei costi di smaltimento in discarica. Dopo la campagna di sensibilizzazione avviato un ciclo di incontri tematici. L’assessore: “Bisogna collaborare”

GALLIPOLI - Cattive abitudini ancora rituali e la raccolta differenziata fa registrare qualche passo indietro. E restano ancora da risolvere molte delle questioni critiche circa la gestione della raccolta dei rifiuti durante i mesi estivi presso i condomini e le case estive in affitto. Per questo dopo una recente richiesta, partita proprio dagli amministratori delle palazzine condominiali, il Comune h avviato una serie di incontri tematici e di confronto per il corretto conferimento.

Gli amministratori dei condomìni del Comune di Gallipoli, uniti e di comune accordo, hanno infatti deciso di chiedere un incontro ufficiale con gli amministratori e gli uffici di competenza al fine di trovare delle soluzioni condivide per quanto concerne la gestione della raccolta differenziata e dei rifiuti ingombranti. Incontro che si è svolto nei giorni scorsi, promosso dall'assessore all'Ambiente Rossana Nicoletti nell'ambito della nuova campagna di sensibilizzazione sulla corretta raccolta differenziata dei rifiuti, partita lo scorso 17 gennaio, in tutti i comuni dell’Aro11.

Nel corso di tale incontro, gli amministratori hanno manifestato la propria volontà a collaborare con l’ente comunale, così come richiesto dall'assessore, facendosi portavoce con i propri inquilini di tutte le comunicazioni. In particolare, gli amministratori di condominio hanno assunto l’impegno di trasmettere tutti i contenuti e di consegnare i volantini ai condomini che riepilogano il corretto conferimento, al fine di evitare, nelle prossime settimane, anche possibili sanzioni.

Sul tavolo, in discussione, anche il problema dei rifiuti durante i mesi estivi: molti appartamenti condominiali vengono affittati ai turisti e la mancanza di regole e buon senso hanno più volte portato a scene di abbandono di rifiuti non differenziati che hanno deturpato l’ immagine della città. Un prossimo incontro sarà organizzato a breve anche con i gestori di strutture ricettive, b&b, agenzie  e case vacanza.

Le richieste degli amministratori

L’intento degli amministratori, che hanno posto sul tavolo della concertazione almeno sei proposte per migliorarla situazione, è quello di affrontare una stagione estiva senza problematiche inerenti al decoro, l’igiene, la pulizia, e di conseguenza la salute pubblica della città.

Tra le proposte quella di migliorare il servizio wattshapp per il ritiro domiciliare dei rifiuti ingombranti poiché spesso vengono fissati degli appuntamenti che poi inevitabilmente non vengono rispettati o addirittura posticipati di oltre un mese e questo crea di conseguenza il caos dei rifiuti abbandonati per strada, come materassi, mobili  specialmente nella zone del Lido San Giovanni, Baia Verde e Santa Venardia.

Si è chiesto poi di trovare un accordo con la ditta di igiene urbana in modo che fornisca i sacchi di diverso colore e materiale a tutte le unità in modo tale che coloro che affittano durante la stagione estiva possano fornirli ai vacanzieri con relativo vademecum sulla differenziata.

E ancora, considerato che il sabato è il giorno del ricambio tra chi lascia un appartamento e chi arriva, bisognerebbe avere la possibilità di avere in quel giorno un servizio di raccolta straordinaria, anche su prenotazione, in modo da far ritirare tutta la spazzatura che in caso contrario, come di solito avviene, verrebbe differenziata male o gettata incivilmente nelle campagne, o ai bordi delle strade. Sarà compito dell’operatore ecologico poi portare i sacchi contenenti i rifiuti già differenziati all’ecocentro.

Altra proposta quella di pensare ai recettori di reddito di cittadinanza per creare progetti ad hoc atteso che la mancanza di personale è sempre una carenza dovuta al fattore economico.

Così come quella di incrementare la raccolta di rifiuto organico e non riciclabile in determinate zone della città, dove sono ubicati condomini con più di 20 unità abitative, in diverse ore della giornata, con particolare attenzione alle zone Lido San Giovanni e Baia Verde.

Installare dei container video sorvegliati per la raccolta di carta, plastica e rifiuti ingombranti come materassi, piccoli mobili, elettrodomestici, dove ci sia accessibilità a tutti, e non tramite tessera sanitaria, per evitare il continuo abbandono dei rifiuti in mezzo alla strada.           

L’assessore: “Serve più collaborazione”

“È sicuramente difficile, ma dobbiamo seriamente impegnarci tutti, ad ogni livello, e assumerci la responsabilità del ruolo che rivestiamo in ogni ambito cittadino” spiega l’assessore con delega  all’Ambiente, Rossana Nicoletti, se vogliamo ridurre drasticamente la quantità di indifferenziata prodotta nella nostra città che ha raggiunto livelli enormi, con un aggravio dei costi ormai insostenibili”.

“Dobbiamo far ripartire la differenziata nel modo giusto” dice ancora l’assessore comunale, “è l'unico strumento cruciale per ridurre gli sprechi e l’inquinamento e per ottenere una riduzione delle tasse sullo smaltimento dei rifiuti. Non basta che l’amministrazione stia studiando un piano per potenziare la raccolta e  affrontare  al meglio la stagione estiva. Non basta che si applichino le multe, occorre collaborazione concreta anche da coloro che affittano i propri appartamenti o che operano nel settore turistico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Differenziata, troppe criticità. Comune e amministratori di condominio studiano correttivi
LeccePrima è in caricamento