rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
La consegna la prossima settimana / Gallipoli

Educazione ambientale tra i banchi. E al “Da Vinci” arriva l’isola ecologica

Presentata la campagna di sensibilizzazione promossa dal Comune di Gallipoli e rivolta direttamente agli studenti per incentivare ulteriormente le pratiche della raccolta differenziata. Nel cortile dell’istituto l’ecoisola informatizzata e bidoncini in tutte le scuole

GALLIPOLI - L’educazione ambientale e la corretta raccolta dei rifiuti parte tra i banchi  delle scuole cittadine di Gallipoli. Presso l’istituto professionale “Leonardo Da Vinci” è stata presentata nei giorni scorsi la campagna di sensibilizzazione ambientale promossa del Comune e rivolta direttamente agli studenti del territorio.

Il sindaco Stefano Minerva insieme all’assessore all’ambiente Rossana Nicoletti, alla presenza del dirigente scolastico Cosimo Preite, hanno spiegato nel corso dell’incontro l’importanza di una corretta raccolta differenziata. Non solo, a dimostrazione dell’impegno, gli amministratori hanno comunicato ufficialmente che l’istituto sarà dotato di un’ecoisola comunale informatizzata per la raccolta differenziata per il vetro, la plastica, i metalli e la carta.

L’ecoisola sarà consegnata la prossima settimana e verrà collocata all’esterno del cortile scolastico per volontà dell’amministrazione comunale, in particolare su iniziativa dell’assessorato all’Ambiente, per spronare i più giovani a differenziare nella maniera più idonea quindi a rispettare l’ambiente.

“Il dialogo con gli istituti scolastici è sempre proficuo e anche in questa occasione la collaborazione tra le parti ha portato ad un risultato straordinario” commenta il sindaco Stefano Minerva, “entrare nelle scuole con un tema così importante vuol dire diffondere consapevolezza e rendere ogni studente portavoce di buone pratiche”.

Nelle prossime settimane, anche per le aree dell’istituto, l’amministrazione provvederà a consegnare i bidoncini per la raccolta di plastica e carta che saranno poi distribuiti ulteriormente in tutte le aule delle scuole elementari, medie e superiori della città.

“Ringraziamo il dirigente scolastico Cosimo Preite per aver accolto la nostra richiesta comprendendo il significato insito dietro questo nostro gesto” aggiunge l’assessore all’Ambiente, Rossana Nicoletti, “l’ecoisola vuole essere un simbolo e una scuola sostenibile si realizza in primis garantendo la raccolta differenziata nella struttura. Siamo partiti da questo istituto, ma entreremo in altre scuole perché vogliamo rendere gli studenti i giovani protagonisti della campagna di raccolta differenziata che il Comune di Gallipoli porta avanti da tempo".

"Differenziare vuol dire tutelare l’ambiente e anche risparmiare, soprattutto aumentare il recupero di materie prime ed avviare migliaia di tonnellate di spazzatura verso una nuova vita. Vogliamo portare avanti un'opera di massiva divulgazione del significativo tema della salvaguardia ambientale, partendo da una riduzione della produzione di rifiuti indifferenziati, combattendo la dispersione degli stessi nell'ambiente” conclude l’assessore comunale, “il tutto coinvolgendo dapprima le scuole dove si studia già educazione ambientale e dove riteniamo che i giovani studenti ,con esempi concreti a difesa dell'ambiente, possono innescare un cambiamento sociale positivo”.

A dare man forte alle attività anche il presidente della commissione Ambiente, Silvio Cataldi: “La nostra è un’amministrazione attenta che coinvolge i cittadini in varie forme e attività” commenta, “siamo convinti che una corretta educazione ambientale dei giovani sia uno sprono per gli adulti. Scommettere sugli studenti vuol dire scommettere su un futuro migliore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Educazione ambientale tra i banchi. E al “Da Vinci” arriva l’isola ecologica

LeccePrima è in caricamento