menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex Tribunale, uffici inaccessibili ai disabili. Avvocato sollecita il Comune

Con una segnalazione formale il legale Piergiorgio Provenzano ha posto la questione della difficoltà di accesso negli uffici del giudice di pace di Gallipoli. La chiusura del cancello posteriore impedisce l’ingresso da cortile e rampa

GALLIPOLI - Accesso agli uffici del giudice di pace, nell’immobile comunale di via Quartini, a dir poco difficoltoso per i diversamente abili e le persone con ridotta mobilità. La segnalazione arriva direttamente sul tavolo del sindaco Stefano Minerva attraverso una comunicazione formale del legale Piergiorgio Provenzano, del foro di Lecce, che richiamando da un lato la specifica normativa sulla garanzia del libero accesso negli edifici pubblici e biasimando, dall’altro, “la situazione di illegalità paradossale per un sito in cui si amministra la giustizia”, ha di fatto sollecitato l’amministrazione comunale gallipolina a adottare una soluzione consona per superare la problematica evidenziata.

Con una istanza formale inviata all’attenzione del primo cittadino, e per conoscenza anche all’ufficio del giudice di pace di Gallipoli, al presidente del Tribunale di Lecce, e all’ordine degli avvocati, l’avvocato Provenzano ha segnalato “la condizione di inaccessibilità alle persone con ridotta mobilità degli uffici del giudice di pace di Gallipoli”.

E’ risultato, infatti, che il cancello posteriore di via Genuino, che consente l’accesso al cortile prospiciente l’immobile, e dal quale era possibile entrare nell’ufficio tramite una rampa, sia ora chiuso impedendo l’utilizzo dell’entrata secondaria. L’unico ingresso dell’ex tribunale, da dove transitano gli utenti, così come esplicita lo stesso avvocato Provenzano, avviene quindi tramite una ripida scala, per altro priva di corrimano e di dispositivi antiscivolo, dal portone centrale che si trova in via Quartini. “A ciò si aggiunge” dice ancora il legale, “l’assenza di stalli di sosta riservati in corrispondenza degli ingressi dell’edificio”.

Tra le soluzioni immediate suggerite quella di fornire la possibilità di accesso libero, ai titolari di pass per disabili, nel cortile posteriore per poter entrare nella sede giudiziaria attraverso la rampa esistente, e anche l’installazione di un corrimano e di dispositivi antiscivolo per la scala di accesso principale. La segnalazione in questione “è già stata posta all’attenzione di sindaco e amministratori e degli uffici competenti” rassicurano da palazzo di città. A breve si dovrebbe trovare la soluzione adeguata e auspicata per garantire la libera accessibilità agli uffici dell’ex tribunale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento