Sabato, 24 Luglio 2021
Gallipoli

Festa del 2 giugno, strage di patenti sul litorale ionico: 14 quelle ritirate

I carabinieri della Compagnia di Gallipoli sono stati impegnati fino a tarda notte nel controllo sulla circolazione stradale, al fine di prevenire le cosiddette "stragi del rientro", dovute all'abuso di alcool e droghe alla guida

 

GALLIPOLI – E’ stato un due giugno all’insegna dei controlli serrati e del pattugliamento del territorio per i carabinieri della Compagnia di Gallipoli, guidati dal capitano Stefano Tosi, impegnati, su tutto il territorio di loro competenza, in intensi controlli finalizzati al controllo sulla circolazione stradale, al fine di prevenire le cosiddette “stragi del rientro”, dopo i festeggiamenti nei locali del litorale jonico, dovute all’abuso di alcool e droghe alla guida.

Fino a tarda notte, infatti, il litorale jonico è stato meta di migliaia di giovani provenienti da tutta la regione e da quelle limitrofe: Campania e Calabria. Quattordici le patenti di guida ritirate per guida in stato di ebbrezza, tutti i conducenti sono stati denunciati in stato di libertà. Tra questi giovani turisti provenienti dalla provincia di Firenze e Bari, nonché molti salentini, che sono stati fermati e sottoposti a controllo mentre, dopo i festeggiamenti, stavano tornando presso le proprie abitazioni. L’età dei giovani denunciati va dai 26 e i 39 anni, tutti con un tasso alcolemico tra 0,69 e 2,13, (il poco invidiabile record è stato raggiunto da un ragazzo di Galatina). Ben 5 ragazzi, inoltre, sono risultati in stato di ubriachezza, cioè con un tasso alcolemico nel sangue oltre 3 volte quello consentito. In totale sono state 219 le persone complessivamente sottoposte a controllo, grazie all’utilizzo di apparati etilometrici impiegati nei frequenti posti di controllo volanti, strategicamente dislocati ed organizzati su tutto il territorio. Da sottolineare che grazie all’utilizzo di un apparecchio che controlla preliminarmente il tasso alcolemico presente nel sangue, segnalando la positività o meno della guida in stato di ebbrezza e sottoponendo così solo le persone ebbre all’esame etilometrico vero e proprio (cosiddetto “precursore”), i militari riusciti ad aumentare in maniera esponenziale il numero delle persone controllate. Nel corso dell’attività, complessivamente sono state identificate 272 persone, provenienti da Puglia, Marche, Calabria, Toscana e Campania.

Controlli approfonditi anche all’interno dei locali, grazie all’utilizzo di venti militari in “borghese”, dislocati lungo la litoranea e nei pressi di Parco Gondar. Trentuno le persone segnalate all’autorità prefettizia, per uso non terapeutico di sostanza stupefacente, per lo più turisti provenienti da tutta Italia (Milano, Brindisi, Pordenone, Bari). Il più giovane ha appena 16 anni, il più grande 33. Complessivamente sono stati sottoposti a sequestro oltre 26 grammi di hashish, 28 di marijuana e 6 di cocaina. Denunciato a piede libero, per detenzione ai fini di spaccio, un giovane di Galatone, il quale, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 6 grammi di cocaina, suddivisi in altrettante dosi. Denunciato anche un copertinese 33enne, poiché trovato in possesso di un bastone della lunghezza di cm 80, occultato all’interno della propria autovettura, e un 22enne, sempre copertinese, poiché trovato in possesso di un proiettile calibro 9X21, sottoposto a sequestro.

Complessivamente sono stati impiegate 12 pattuglie, per un totale di 24 carabinieri, tra uomini in "borghese" e in divisa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa del 2 giugno, strage di patenti sul litorale ionico: 14 quelle ritirate

LeccePrima è in caricamento