Mercoledì, 23 Giugno 2021
Gallipoli

Festival del Gozzo, regate ed eventi a gonfie vele nel mare di Gallipoli

Volge al termine la manifestazione marinaresca dedicata a pescatori, artigiani e maestri d’ascia che ha celebrato la Vela Latina. Nel pomeriggio la regata e domani tappa a Tricase porto

Una delle imbarcazioni

GALLIPOLI - Pescatori, naviganti, artigiani e maestri d’ascia hanno celebrato anche quest’anno  la Vela Latina nel Salento richiamando la flotta di curiosi e visitatori in quel di Gallipoli per la terza edizione del Festival internazionale dedicato al gozzo, la tradizionale barca da pesca che ha le sue origini nella cultura marinara italiana. Tante le novità che hanno caratterizzato questo nuovo appuntamento autunnale del Gozzo International Festival che, dopo aver navigato tra il mare i luoghi della cultura della città bella, chiuderà i battenti domani mattina con la visita all’associazione Magna Grecia Mare a Tricase Porto. Tra le particolarità attrattive del festival marinaresco, quest’anno, l’iniziativa che ha fatto ripercorrere agli ospiti le vie dell’olio lampante, l’oro gallipolino con visite guidate, teatralizzate e rievocazioni storiche dalla banchina del Canneto al frantoio di palazzo Granafei. Ma come sempre lo spettacolo più suggestivo  e caratteristico è stato quello che ha visto protagoniste le imbarcazioni che, con il proprio equipaggio a bordo, si sono esibite agonisticamente nella tradizionale regata nello specchio d’acqua antistante la città e immortalate dall’obbiettivo di Francesco Rastrelli Blue Passion. Nel pomeriggio si sono infatti concluse le regate cui è seguita la premiazione degli equipaggi: nella classe B, ha vinto Mastro Ignazio di Pasquale Vitaggio (Messina); nella classe D, successo per Rosìo di Francesco Sposito; nella classe E, affermazione per Angè di Marco Terragni (Laveno lago Maggiore).

Sulla scia della precedente edizione del Gozzo Festival, quest’anno, oltre alle flotte pugliesi, sono state coinvolte le imbarcazioni tradizionali che frequentano le principali regate del Mediterraneo provenienti da Liguria, Toscana, Sicilia, Campania e Sardegna. Anche a terra, il ricco programma,  si è articolato tra la Galleria dei Due Mari a ridosso del castello, la banchina delle Scale Nove e la banchina del Canneto, teatro di dimostrazioni d’arte marinaresca, attività culturali, eventi enogastronomici ed esposizioni di gozzi a vela latina. Presso la galleria dell’ex mercato coperto molto seguito il “Cantiere del Mastro d’Ascia” che ha ospitato attrezzi e collezioni di Antonio Magno e Antonio Pianoforte che hanno esposto i propri modelli. 

“Un programma intenso” spiega  Gabriele Lazzari, presidente del club velico ecoresort Le Sirenè, “che ha trovato esecuzione grazie alla sinergia che siamo riusciti a creare tra il comparto turistico e gli operatori della marineria e dei circoli velici sportivi. Un evento che ci auguriamo possa essere l’inizio di un ritorno di Gallipoli a palcoscenico degli sport velici nei diversi periodi dell’anno. Il Gozzo International Festival incorpora la cultura e l’enogastronomia del territorio, l’abilità dei maestri d’ascia e la tradizione. Un ringraziamento a tutti i circoli che hanno messo a disposizione le proprie competenze per la buona riuscita di questa terza edizione. Sono stati invitati tutti gli istituti nautici italiani i cui alunni hanno potuto toccare con mano quanto studiato nell’indirizzo di costruzione navale”. Il Gozzo International Festival conta dell’appoggio istituzionale del Comune di Gallipoli e della capitaneria di porto ed è stato organizzato in sinergia tra i circoli velici e le associazioni della città e con la partecipazione dell’istituto Nautico “Vespucci”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival del Gozzo, regate ed eventi a gonfie vele nel mare di Gallipoli

LeccePrima è in caricamento