menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La voragine che si è aperta in via Firenze: ormai è diventata immensa, ha lambito un angolo di muro e rischia di interessare il parco adiacente

La voragine che si è aperta in via Firenze: ormai è diventata immensa, ha lambito un angolo di muro e rischia di interessare il parco adiacente

Gallipoli: terzo crollo, ora rischia un palazzo

Alle 6,15 di questa mattina nuovo cedimento del terreno. Alcuni residenti di via Firenze e zone adiacenti hanno lasciato spontaneamente le loro case. A rischio le fondamenta di uno stabile

Terza frana nel giro di poche ore. Questa mattina, intorno alle 6,15, la situazione di via Firenze si è ulteriormente aggravata. Il terreno, già in condizioni di stabilità molto precarie a causa dei crolli di giovedì sera e venerdì pomeriggio, ha subito un nuovo cedimento. La bocca della voragine si è spalancata di un'altra decina di metri. Rischiando anche di risucchiare una betoniera posta ai margini della zona interessata, utilizzata, insieme ad altri mezzi, per i lavori di contenimento e ripristino.

Il problema principale è che ad ogni cedimento, il vuoto si avvicina sempre più ai palazzi adiacenti. Ed ora uno di questi è seriamente a rischio: un angolo esterno è crollato e le fondamenta potrebbero realmente cedere da un momento all'altro. Ed il crollo, in una zona caratterizzata da decine di cunicoli sotterranei, potrebbe interessare anche il parco Botanico adiacente.

Vigili del fuco, protezione civile e forze dell'ordine sono quindi impegnati in un lavoro extra e tanti residenti, che lamentano un'assenza di ordini precisi dal Comune, hanno abbandonato spontaneamente le proprie abitazioni. I commercianti, inoltre, hanno stabilito una serrata. Questo perché non vi è stata una precisa ordinanza da parte dell'amministrazione.

Per leggere tutta la cronistoria della vicenda: https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=843, https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=857, https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=867 e https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=881

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento