menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri gallipolini e il Nil.

I carabinieri gallipolini e il Nil.

Sicurezza sul lavoro: scoperta ditta mai registrata, titolare chiede il Rdc

Nuove ispezioni, questa volta a Gallipoli e Alezio. Un 45enne denunciato per mancata sorveglianza sanitaria. Un uomo aveva avviato l’iter per la richiesta all’Inps del reddito di cittadinanza, ma la sua ditta individuale non era mai stata registrata

GALLIPOLI – Accertare il rispetto della distanza di sicurezza fra i lavoratori ed evitare loro l'esposizione a possibili contagi nella “fase 2”. Ancora una denuncia, sanzioni salate e c’è chi possiede persino una attività inesistente. Dopo i primi controlli scattati nel Salento nella mattinata di ieri, tra Lizzanello, Calimera e Cavallino, nuove ispezioni anche a Gallipoli ed Alezio.

I carabinieri della compagnia della Città Bella, guidata dal capitano Francesco Battaglia, hanno infatti eseguito delle verifiche in tre aziende della zona, alla presenza dei militari del Nil, il Nucleo ispettorato del lavoro. Al termine delle verifiche è stato deferito in stato di libertà un 45enne del luogo, socio amministratore di una ditta, accusato della mancata sorveglianza sanitaria prevista e obbligatoria nei confronti dei suoi dipendenti.

Nelle tre ditte sottoposte al controllo, sono tate vagliate le posizioni contrattuali di 16 lavoratori e contestate, in totale, multe per 4mila e 900 euro. Ma non è tutto. Durante le ispezioni, i militari hanno anche scoperto il proprietario di una ditta individuale operativa da tempo, ma di fatto inesistente: non era stata mai iscritta alla Camera di Commercio. In compenso, il titolare aveva avviato la procedura per la richiesta agli uffici Inps del reddito di cittadinanza lo scorso 21 aprile. L’iter è stato immediatamente bloccato, mentre sono in corso accertamenti di natura fiscale sul profilo dell’uomo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento