Sabato, 31 Luglio 2021
Gallipoli

“L’ex Nautico non può diventare un albergo”. Sel boccia riconversione

Dopo il cambio di destinazione dell’immobile di via Gramsci varato dalla Provincia, il circolo di Sel contesta la dismissione del vecchio istituto in disuso. Appello al Comune. Suggerite le sedi per mantenere la scuola in città

GALLIPOLI - Non smantellare la ex sede dell’istituto Nautico di via Gramsci. Ma soprattutto non cedere alla tentazione di lasciarlo alla mercè di possibili e speculari operazioni edilizie. E’ quanto lamenta il circolo cittadino di Sel tramite il suo segretario, Massimo Esposito, sul futuro dell’ex immobile scolastico in disuso dopo la recente variazione di destinazione d’uso del fabbricato approvata dal Consiglio provinciale. Ora con un ulteriore passaggio burocratico, ovvero l’ultimo avallo del Consiglio comunale gallipolino, la ex sede dell’istituto potrebbe essere definitivamente riconvertita per ospitare nuove strutture ricettive.

Una prospettiva che non soddisfa i vendoliani locali che considerano quest’ultima decisione un’ulteriore penalizzazione per gli studenti del Vespucci che in questi anni “hanno subito una vera e propria umiliazione da parte dell’ente provinciale. Costretti ormai da anni a migrare da sito in sito e che oggi hanno trovato asilo nelle aule fatiscenti della struttura scolastica dei Salesiani di via Foscolo”. Secondo la riflessione del segretario di Sel, Esposito, “la faccenda assume un aspetto ancora più scandaloso considerando che solo una parte, quella fronte mare dell’immobile, è danneggiata, mentre sul lato interno di via Gramsci la struttura è sana ed integra strutturalmente parlando.

In particolare sul lato confinante con la caserma dei carabinieri” aggiunge il segretario di Sel, “la struttura è stata realizzata di recente con una spesa di oltre un miliardo delle vecchie lire, e comprende una foresteria, il planetario, un teatro, una cucina e laboratori vari”. Tutto, una volta conclusi i passaggi burocratici, sarebbe dunque destinato alla demolizione e alla vendita ai privati e con gli introiti la Provincia ha già comunicato che si interverrà per completare il campus scolastico sulla provinciale per Sannicola che ospiterà anche il nuovo istituto Nautico. “La tremenda prospettiva è quella di creare una nuova cattedrale nel deserto” accusa Esposito, “come quella che è già stata costruita sempre dalla Provincia sulla via per Sannicola. Una struttura quest’ultima isolata dalla città e pericolosa che vede spesso gli studenti a rischiosissime passeggiate sulla strada provinciale priva di marciapiede”. Da qui le soluzioni auspicate da Sel e l’appello all’amministrazione gallipolina.        

“Noi crediamo che l’ubicazione naturale del Nautico sia quella di via Gramsci” concludono dal circolo di Sel “o nel malaugurato caso non possa essere possibile comunque l'istituto dovrebbe restare all'interno della città, individuando siti vicini al mare o a scali marittimi come i locali non utilizzati dell'ospedale vecchio,  la scuola di Santa Chiara o nella dismessa caserma dei carabinieri”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“L’ex Nautico non può diventare un albergo”. Sel boccia riconversione

LeccePrima è in caricamento