Mercoledì, 28 Luglio 2021
Gallipoli

“L’ex Nautico può essere ristrutturato”. Accordo tra Sel e Gabellone

Dopo la richiesta dei consiglieri Quintana, Di Mattina e Minutello per salvare l'istituto un incontro proficuo tra vendoliani e il presidente della Provincia. Arriva l'intesa per recuperare la sede di via Gramsci in odor di vendita

GALLIPOLI – La vecchia sede dell’istituto Nautico di via Gramsci a Gallipoli potrebbe essere ristrutturata e non più messa in vendita come in un primo momento sancito dal Consiglio provinciale. Una situazione in evoluzione e che potrebbe ora aver segnato l’esito sperato per quanti si sono battuti in terra gallipolina contro la dismissione dell’immobile e della sua storica destinazione scolastica. Dopo la proposta inoltrata dai consiglieri provinciali Sandro Quintana, Toti Di Mattina e Stefano Minutello al presidente Antonio Gabellone per la revoca del progetto di alienazione e del cambio di destinazione d’uso dell’immobile, sono arrivati in queste ore altri segnali che indicano il cambio di rotta.

Questo è quanto conferma, in una nota ufficiale, la segretaria cittadina di Sel, in seguito ad un incontro svolto a palazzo dei Celestini con il presidente della Provincia Gabellone, su input del consigliere regionale Antonio Galati e con l’intercessione del senatore del Pdl, Francesco Bruni. Durante l’incontro richiesto dal circolo di via Acquedotto (presenti il segretario Massimo Esposito  e Vitantonio Franco) sarebbe emersa l’apertura dell’amministrazione provinciale a procedere al ripristino dell’immobile di via Gramsci che ospita l’istituto Nautico di  Gallipoli. Il direttivo di Sel ha pertanto ringraziato il presidente Gabellone per la disponibilità e gli riconosce il merito “di aver saputo ritornare sui propri passi” rispetto ad una decisione già presa che si era tuttavia dimostrata “palesemente sbagliata e sgradita” alla comunità scolastica del Vespucci di Gallipoli.

“Il nostro ringraziamento” si legge nella nota di Sel, “va anche ai consiglieri provinciali Quintana e Di Mattina, ai quali si è aggiunto Minutello che, da strenui difensori della vendita dell’istituto, sia pure in extremis, si sono utilmente convertiti alle esigenze della gente gallipolina, degli studenti, dei docenti e delle famiglie, facendo propria una proposta che Alberto Cimbasso, rappresentante di Gallipoli 2012, aveva portato nella commissione provinciale riunitasi lo scorso 11 luglio”. Oltre agli ulteriori ringraziamenti alla disponibilità del consigliere Galati e del senatore Bruni, la sezione di Sel ha sottolineato la collaborazione con l’associazione Gallipoli 2012, che ha “sposato le nostre istanze abbandonando l’iniziale proposta di edificare al posto dello stesso istituto una struttura adibita a parcheggio”.

Un altro aspetto importante per il futuro della vecchia sede è la disponibilità offerta sempre dal presidente Gabellone circa la possibilità di iniziare gli interventi di ristrutturazione dell’immobile di via Gramsci (ancor prima di procedere alla vendita dell’ex convento dei Francescani), nel caso in cui  si dovessero concretizzare alcune situazioni favorevoli per il bilancio dell'ente provinciale. Magari con la disponibilità o lo sblocco di fondi regionali da mettere a disposizione per tale scopo.    “Il prossimo atto formale, sul quale invitiamo i cittadini ad una stretta e democratica vigilanza” conclude la nota di Sel, “sarà un incontro tra l’amministrazione provinciale e l’amministrazione Errico per  sottoscrivere un patto che di fatto sancirà la rinascita dell’istituto Nautico. Dopo una lunga ed estenuante battaglia  in collaborazione con gli amici del Comitato pro Nautico, esprimiamo estrema soddisfazione per quanto fin qui ottenuto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“L’ex Nautico può essere ristrutturato”. Accordo tra Sel e Gabellone

LeccePrima è in caricamento