Sabato, 24 Luglio 2021
Gallipoli

“Le nomine dell’Oiv sono illegittime. Il sindaco deve ora revocarle”

Il consigliere Petrucci mette in evidenzia i rilievi della Civit che ha bocciato le procedure per l’Organismo indipendente di valutazione. Il sindaco Errico con decreto aveva indicato Alfredo Caggiula, Andrea Baldari e Rocco Famà

GALLIPOLI – Potrebbero essere annullate, o meglio riformulate, le nomine dei componenti dell’Oiv comunale, l’organismo indipendente di valutazione, decretate nel gennaio scorso dal sindaco Francesco Errico per contro della sua amministrazione. Sulla base dei rilievi contenuti in una nota del 2 maggio scorso della Commissione indipendente per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche (Civit), e a quanto reso noto in queste ore dal consigliere di minoranza, Aldo Petrucci, le nomine dell’Oiv (di cui fanno parte in qualità di componenti Alfredo Caggiula, Andrea Baldari e Rocco Famà) potrebbero essere illegittime. La questione è ora al vaglio dell’amministrazione comunale che sta valutando il da farsi. Anche se sull’adempimento, il responso della Civit indica di procedere alla revoca e alla nuova nomina (in caso di idoneità ed essendo eventualmente in possesso dei requisiti non è escluso che potrebbero essere riconfermati anche gli attuali componenti) previa consultazione della commissione di valutazione.

Lo stesso capogruppo di Gallipoli 2012, Petrucci, ha inviato una lettera aperta al sindaco Francesco Errico sulla questione, chiedendo contestualmente che, nel rispetto del principio di trasparenza, della vicenda sia edotto quanto prima il Consiglio comunale. “Ho letto la nota della Civit pervenuta da tempo agli uffici comunali, che ha qualificato illegittimo il decreto a sua firma di nomina dei componenti dell’Oiv” scrive Petrucci rivolgendosi al sindaco Errico, “perché esso è stato emesso senza il previo parere della suddetta Commissione, e conseguentemente ha invitato l’amministrazione gallipolina a revocare il provvedimento e a formulare la richiesta nel rispetto delle previsioni contenute nell’art.14 del D.Lgs. n.150/2009 e nella delibera della Civit n.12/2013 e previo parere della Commissione”.

Rammentando di aver già rilevato in Consiglio comunale tali incongruenze e violazioni sulle prescrizioni e i requisiti, il consigliere Petrucci ha chiesto anche un’inversione di rotta. Ed ha altresì invitato il primo cittadino a comunicare “quali iniziative abbia assunto o intenda assumere per procedere alla verifica dei requisiti dei componenti del suddetto Organismo, come è stato espressamente richiesto dalla Civit. E se, e quando, intenda revocare il suo decreto del 31 gennaio scorso, che ormai è stato qualificato illegittimo da un ufficio dell’autorità nazionale anticorruzione”. La questione della nomina dell’Oiv comunale aveva animato nei mesi scorsi il dibattito politico con interrogazioni proposte in Consiglio comunale dei consiglieri Giuseppe Coppola (Ppdt) e dello stesso Aldo Petrucci (Gallipoli 2012) e con la difesa delle sue prerogative e della bontà delle scelte operate da parte del primo cittadino. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Le nomine dell’Oiv sono illegittime. Il sindaco deve ora revocarle”

LeccePrima è in caricamento