rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Gallipoli Gallipoli / Lungomare Galileo Galilei

Burrasca inonda di detriti il lungomare: allarme per i tombini scoperchiati

Nella notte, sassi e fanghiglia hanno invaso lungomare Galileo Galilei: il vento ha spostato le transenne e divelto alcuni calcinacci. La situazione è però sotto controllo

GALLIPOLI- Il vento sembra essresi in parte placato nel Salento, ma nella notte ha soffiato prepotente sullo specchio d’acqua antistante Gallipoli. Tra allerta arancione diramata dalla protezione civile e memorie ancora recenti e vivide dei danni arrecati a novembre dal maltempo, il “grande sorvegliato” era sempre lui: lungomare Galileo Galilei. Come previsto, la mareggiata è arrivata e ha portato sulla strada una pioggia di detriti. Sassi, in primis.

Le raffiche, inoltre, hanno abbattuto le transenne presenti, poi rimesse al loro posto all’alba di oggi dal personale della protezione civile. Oltre alle pietre e fanghiglia finite sull’asfalto del lungomare, ulteriori danni sono stati comunicati dalla capitaneria di porto al comando di polizia locale nei pressi dell’altro litorale. Non lontano dalla Fontana greca, infatti, alcuni calcinacci si sono staccati dai muretti e dalla recinzione che costeggia la ferrovia.

Nulla di grave, soltanto la necessità di un intervento urgente per sgomberare la via e ripristinare la viabilità in quel tratto. Il disagio più grande, semmai, è stato quello legato al danneggiamento di alcuni tombini. Diverse le segnalazioni giunte dai cittadini, per le placche in ghisa letteralmente scoperchiate. Sul posto sono stati fatti pervenire anche i dipendenti dell'Acquedotto. Intanto, la situazione metereologica dovrebbe restare stabile. Non vi sono infatti ulteriori allerte giunte alle amministrazioni comunali da parte della protezione civile della Regione Puglia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Burrasca inonda di detriti il lungomare: allarme per i tombini scoperchiati

LeccePrima è in caricamento