Gallipoli

“Mediterrano, patrimonio geologico della Puglia”: l’Unesco per l’ambiente

L’8 settembre la celebrazione del quarantesimo anniversario Geoscience Programme con una giornata di studio alle isole di Gallipoli, Sant’Andrea del Campo. Obiettivo dell’appuntamento, migliorare la comprensione del sistema

Cartografia (Capone editore)

GALATINA - Per celebrare il quarantennale 1972-2012 Igcp - Unesco, (International Geoscience Correlation Programme – Igcp - società cooperativa dell'Unesco e dell'Unione internazionale delle scienze geologiche che pone attenzione ai progetti di tutela dell'ambiente, al rapporto tra fattori naturali geologici e problemi di salute, biodiversità, al cambiamento climatico, all’estrazione delle risorse dei minerali e delle acque sotterranee, vulcanismo attivo), i club Unesco di Bisceglie - Brindisi, Galatina e Zollino presieduti da Pina Catino, Clori Palazzo, Salvatore Coluccia e Antonio Chiga, per la promozione di una cultura dei diritti umani e dell’ambiente, hanno organizzato una giornata di studio alle isole di Gallipoli, Sant’Andrea del Campo, patrimonio geologico della Puglia - versante jonico.

Importante obiettivo è la divulgazione delle scienze della terra per l’intero pianeta e fornire una ulteriore occasione per riflettere sul rilievo futuro del Programma internazionale di correlazione geologica (Igcp). Nel corso della storia, lo sviluppo del genere umano è stato intimamente legato alla storia naturale e alle risorse del nostro pianeta: pietra, bronzo, ferro, oro, carbone e petrolio sono solo alcuni di una lunga lista di risorse geologiche che hanno contribuito a plasmare la società. Conoscere le scienze della terra è fondamentale per comprendere questo complesso sistema equilibrato da cui dipende tutto. La legge pugliese sul patrimonio geologico, già pubblicata ed in vigore, è la 33 del 2009.

L'obiettivo generale dell'Unesco riguardo le scienze della terra è quello di migliorare la comprensione del sistema e l'utilizzo delle conoscenze geologiche per lo sviluppo, attraverso Geoscience Programme (Igcp), pubbliche iniziative di sensibilizzazione e di educazione, la rete globale dei Geoparchi, programmi per l'osservazione della Terra e la riduzione delle catastrofi ( programma spaziale del pianeta Terra in Africa).

L’8 settembre, pertanto, dopo il cerimoniale della Federazione italiana Unesco, la lettura dell’atto costitutivo delle Nazioni unite a cura dei presidenti inter Club Unesco, seguiranno le relazioni dei docenti Paolo Sansò, Benito Leoci, Giorgio Cataldini. Nella seconda parte della giornata di studio, seguirà la visita guidata sull’isola di Sant’Andrea. Al tramonto, performance artistiche con Tyna Maria Casalini, cantante e compositrice gospel e il poeta Salvatore Memeo, ambedue soci dei rispettivi club Unesco di Zollino e Bisceglie.

La celebrazione, in collaborazione con Comune di Gallipoli, Università del Salento, Maridipart, Guardia Costiera, Museo del mare di Gallipoli, gode del  patrocinio di Regione Puglia – Presidenza del Consiglio, Pam - Assemblée Parlimentaire de la Mediterranée, province di Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Lecce, comuni di Bisceglie - Brindisi – Zollino – Galatina – Gallipoli. E l’adesione di Sigea – Società italiana geologia ambientale, villaggio globale - trimestrale di ecologia - Tecnopolis novus ortus, Legambiente Gallipoli, Lega Navale Gallipoli, Archeoclub d’Italia sezioni  di Bisceglie e Copertino, Ass Italoellenica – Zollino, Pro Loco Unpli – Bisceglie. Si ringrazia Capone Editore per gentile concessione della cartografia di Piri Reis (sec. XVI).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mediterrano, patrimonio geologico della Puglia”: l’Unesco per l’ambiente

LeccePrima è in caricamento