Mercoledì, 28 Luglio 2021
Gallipoli

Ruba 2mila euro nel ristorante, ci torna un anno dopo e lo riconoscono

Non un colpo di genio, quello di un turista milanese di 52 anni. L'estate scorsa riuscì a sottrarre i soldi dalla cassa di "Mesciu Peppe", locale di Lido Conchiglie. Ma il suo volto era impresso nei nastri di videosorveglianza. E nella memoria dei gestori. Che, rivistolo, hanno chiamato i carabinieri

GALLIPOLI – L’assassino torna sempre sul luogo del delitto. Passi anche un anno. E’ la regola dei gialli un po’ scadenti e con il finale ovvio in cui il colpevole è il maggiordomo. E se S.D., 52enne milanese, assassino assolutamente non è, e nemmeno maggiordomo, il suo improvviso balzar sulla scena nello stesso ristorante dell’estate scorsa, ha comunque ravvivato la memoria di ferro dei titolari. I quali non ci hanno pensato due volte ed hanno chiamato i carabinieri. “Venga, venga, marescià, c’è una sorpresa”.

I proprietari di “Mesciu Peppe”, storico ristorante di Lido Conchiglie, quasi hanno stentato  a crederci quando si sono trovati davanti il volto della persona - ne erano più che convinti -, che nell’agosto scorso era stata in grado di rubare in un momento di distrazione ben 2mila euro dalla cassa. Il mento così, gli occhi colà. Era lui, nessun dubbio. E che faccia tosta, ripresentarsi nel ristorante. 

I carabinieri della stazione di Gallipoli si sono così recati nel locale ed hanno ascoltato i presenti. Poi, si sono messi in cerca dell’individuo indicato, partendo dalle minuziose descrizioni, rintracciandolo ancora a breve distanza. Stava pedalando tranquillamente sulla sua bicicletta. "Ci segua in caserma". Non proprio il genere di vacanza che uno si aspetta.

Messo a confronto il suo volto sia con le immagini estrapolate un anno prima, sia con quelle di oggi, provenienti dal sistema di videosorveglianza, s'è visto subito come che il profilo corrispondesse. Osservando ancora i nastri, i carabinieri hanno notato un’altra cosa. La stessa persona era stata vista anche nei giorni precedenti mentre gironzolava con atteggiamento sospetto nei pressi del ristorante. Insomma, quando uno se la cerca...

Ricostruendo la vicenda, hanno quindi compreso come il milanese, già sceso in vacanza a Gallipoli nel 2013, ospite di un amico, un paio di giorni prima di ripartire per la Lombardia, avesse messo a segno il furto, ben sapendo che nessuno lo avrebbe rintracciato. 

Molto furbo la prima volta, decisamente di meno la seconda. Quest’anno, infatti, magari pensando di non essere riconosciuto a distanza di tanto tempo, il 52enne ha pensato di ritornare da “Mesciu Peppe”. Sfidando la sorte e soprattutto la memoria dei gestori. Un vero azzardo, perché difficilmente un ristoratore dimentica un “cliente” sgradito. E così l’uomo è stato denunciato a piede libero per furto aggravato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba 2mila euro nel ristorante, ci torna un anno dopo e lo riconoscono

LeccePrima è in caricamento