rotate-mobile
Nuove aree pubbliche / Gallipoli

Mille posti auto in più per la prossima estate. Via libera al piano parcheggi

Via libera unanime dal consiglio comunale alla ricognizione per sistemare le zone da destinare alla sosta e decongestionare il traffico in città. Minerva e Cuppone “Un primo punto fermo. Troveremo altre localizzazioni”. Opposizione punta sulle cooperative

GALLIPOLI - Tra i punti più importanti in discussione al vaglio dell’ultima assise comunale è stato approvato anche il piano comunale dei parcheggi. Il consiglio comunale ha infatti licenziato all’unanimità la delibera per avviare i procedimenti per l’individuazione delle aree comunali che possano riequilibrare il deficit esistente in tema di parcheggi pubblici.

L’assise ha ritenuto necessaria la localizzazione ed attrezzatura di nuove aree sosta in modo da decongestionare, già a partire dalla prossima estate, l’afflusso del traffico in città. Circa mille posti auto in più da razionalizzare sistemando le aree di via Francesco Zaca? (sul versante opposto al cimitero), le aree comunali accanto al parcheggio di via Rossellini, l’area di via Lecce di pertinenza del mercato ittico all’ingrosso in disuso, e recuperando nuovi spazi nell’area del porto commerciale.

La delibera relativa al piano dei parcheggi pubblici è stata approvata all’unanimità, con la convergenza anche dei consiglieri dell’opposizione di Gallipoli Futura che hanno ribadito la necessità di attivare delle cooperative di comunità per la futura gestione delle aree destinate alla sosta. L’atto d’indirizzo deliberato del consiglio consentirà di avviare i procedimenti, da parte degli uffici comunali, per l’individuazione e la sistemazione delle zone per la sosta che andranno a riequilibrare l’attuale deficit esistente in tema di parcheggi pubblici.

In molti casi, come per le aree del mercato ittico di via Lecce, si tratta di zone che già in passato (anche se solo temporaneamente per la stagione turistica), si è provato ad attivare per consentire a turisti e visitatori di posteggiare e poi raggiungere il centro con servizi di collegamento pubblico o con le navette convenzionate.

DSCN4195-3

“L'amministrazione lavora in continuità rispetto al primo mandato, ma anche e soprattutto in termini di rinnovamento per il raggiungimento di determinati obiettivi” spiega il sindaco Stefano Minerva, “abbiamo individuato quelle aree che secondo il piano in itinere possono essere organizzate come parcheggi comunali. Anche il primo anno dello scorso mandato abbiamo provato a risolvere questo annoso problema. Ma oggi siamo decisamente pronti, sotto vari punti di vista, a conciliare questa esigenza. Sono estremamente soddisfatto di quanto fatto” conclude il primo cittadino, “e ritengo che il voto all’unanimità sia un grande passo in avanti per una collaborazione sana tra le parti. Ora continuiamo a lavorare per garantire più servizi alla città”.

Dalla prima ricognizione effettuata dal Comune è emersa evidente la necessità di riequilibrare la carenza di posti auto pubblici, essendo venuta meno negli anni la disponibilità di quasi 48mila metri quadri di superficie che il piano regolatore comunale destinava proprio ai parcheggi pubblici.

“E’ stata effettuata un’importante ricognizione basata su dati certi” spiega il vicesindaco Riccardo Cuppone, “negli ultimi anni vi è stata una diminuzione netta delle aree parcheggio rispetto a quanto previsto dal Piano regolatore approvato nel 2007. Questo vuol dire che individuare aree per il parcheggio diventa ora prioritario e non solo. All’interno della pianificazione in essere si innesta anche la pianificazione sulla mobilità pubblica che da esso ne consegue. Con questo primo intervento si recupereranno oltre mille posti auto a servizio non solo dei cittadini ma anche dei turisti. Al contempo si proseguirà nell’individuazione di nuove aree parcheggio per decongestionare maggiormente il centro città”.

Una volta attrezzate le nuove aree si capirà l’esatto numero dei posti auto (circa mille quelli ipotizzati) a disposizione, che andranno ad implementare anche i circa 2.315 stalli dei parcheggi a pagamento sulle strisce blu suddivisi tra i 1.786 in gestione alla Sis e i 529 stalli in aree a gestione pubblica.

“Sono stati quattro mesi di studio, analisi e ricognizione in cui sono state analizzate le opportunità, i limiti e quelli che sono i vincoli anche regionali per poter procedere” spiega anche il consigliere Giancarlo Padovano, “in questo primo step abbiamo individuato delle aree comunali e successivamente interverremo in maniera organica sulla mobilità anche per garantire un ritorno sugli investimenti”.

Gallipoli Futura punta sulle cooperative

Anche il gruppo consiliare di Gallipoli Futura ha votato a favore del nuovo piano parcheggi, che prevede l'ampliamento di circa mille nuovi posti auto destinati, soprattutto, al traffico turistico, al fine di decongestionare il centro cittadino durante i mesi estivi.

“Siamo convinti che questa possa essere l'occasione di intraprendere un percorso che conduca verso l'attivazione e l'affidamento di tali importanti risorse a delle cooperative di comunità appositamente istituite e non, come avvenuto finora, semplicemente a delle società private” spiegano i consiglieri dell’opposizione, “siamo anche consapevoli che sarà solo con una costruttiva collaborazione che sarà possibile cercare di convincere la maggioranza della bontà delle nostre proposte. Questo è il motivo del nostro impegno. Gallipoli merita il meglio da parte di tutti noi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mille posti auto in più per la prossima estate. Via libera al piano parcheggi

LeccePrima è in caricamento