Giovedì, 5 Agosto 2021
Gallipoli

Belle e “diplomatiche” nel borgo antico. Ambasciatrici del progresso in tour

Tappa gallipolina per le concorrenti di "Miss Progress International 2014" che si concluderà con la finale mondiale di sabato a Leuca. Presentati i progetti sociali e umanitari legati al concorso. Sfilata tra chiese, musei e monumenti

Foto fornita dall'organizzazione dell'evento

GALLIPOLI - Le ambasciatrici del progresso, e ovviamente della bellezza, alla scoperta del Salento. In attesa della finale di sabato sera. Le partecipanti alla seconda edizione di “Miss Progress International 2014”, di stanza in quel di Santa Maria di Leuca da alcuni giorni, oggi hanno trascorso l’intera mattinata nella città di Gallipoli, incontrando l’amministrazione retta dal sindaco Francesco Errico presso il teatro Garibaldi del centro storico. Qui, in compagnia dello staff organizzatore, in una cerimonia pubblica, hanno presentato l'iniziativa a cui prendono parte e i loro progetti. A seguire le ragazze, provenienti da diversi Paesi del mondo, accompagnate da una guida turistica locale messa a disposizione dal Comune, hanno effettuato un giro tra chiese, musei e monumenti della città bella.

Il tutto mentre sono prossimi alla conclusione i lavori dell’organizzazione della seconda edizione di Miss Progress International, l’evento ideato e prodotto dall’associazione culturale “In Progress”  di San Giorgio Ionico, che è rimasto radicato, anche quest’anno, in Puglia. Dal 9 al 18 maggio tutte le concorrenti provenienti dai cinque continenti, e a cui viene simbolicamente assegnato il ruolo di ambasciatrici del progresso, attraversano in lungo e in largo la penisola salentina alla scoperta delle meraviglie naturali della zona e presentano ad una giuria qualificata (presieduta dal direttore del concorso Giuseppe Borrillo) i loro progetti sociali e umanitari che accomunano tutte loro nell’intento “di  rendere il mondo un posto migliore in cui vivere”. Anche nella giornata gallipolina sono state quindi rese note le “ricette” dedicate ai diritti umani, la salute e l’ambiente (un premio speciale è previsto anche per l’integrazione culturale) prima di addentrarsi nel tour panoramico nel centro storico e lungo le riviere.3-155-38

“La novità di quest’anno” dice Giusy Nobile, presidente del sodalizio organizzatore, “riguarda l’assegnazione  della fascia dedicata all’integrazione culturale. Poiché elaborare un progetto specifico su quel  tema è assai complesso, preferiamo che siano le concorrenti stesse, votandola, a scegliere la ragazza che meglio avrà impersonato il concetto di fratellanza e condivisione di usi, religioni e  tradizioni tanto diverse tra loro”. Lo scorso anno in quel di Taranto la vincitrice del concorso è stata Julieth William Lugembe proveniente della Tanzania. Il gruppo multietnico in gara per questa edizione che ha raggiunto il quartier generale di Leuca nei giorni scorsi, ha viaggiato alla scoperta dei tesori artistici e naturali della Puglia (da Castrignano del Capo, a Taranto, Ostuni, Alberobello), gustando i deliziosi piatti e i migliori prodotti della tradizione culinaria locale, perfetto esempio della dieta mediterranea. Dopo la tappa odierna di Gallipoli, domani capatina a Lecce. In attesa della finale mondiale, che si svolgerà sabato sera presso il Messapia hotel di Leuca, a partire dalle 21, e sarà trasmessa in diretta via web da JoTv.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Belle e “diplomatiche” nel borgo antico. Ambasciatrici del progresso in tour

LeccePrima è in caricamento