rotate-mobile
I provvedimenti per l’estate / Gallipoli

Musica per bar e ristoranti sino a mezzanotte. In vigore la nuova ordinanza

Il sindaco Minerva ha emanato il nuovo provvedimento per frenare inquinamento acustico e disturbo della quiete e agevolare i controlli di polizia locale e forze dell’ordine. Il limite esteso sino all’una di notte solo nella settimana di Ferragosto

GALLIPOLI - Musica e piano-bar nei locali, bar e ristoranti consentiti entro la mezzanotte ad eccezione della settimana di Ferragosto dove il limite orario sarà esteso sino all’una di notte. È in vigore da qualche giorno la nuova ordinanza firmata dal sindaco Stefano Minerva, in raccordo con le prescrizioni già dettate dal Comitato per l’ordine e al sicurezza in prefettura, per limitare l’inquinamento acustico e il disturbo della quiete e agevolare i controlli di polizia locale e forze dell’ordine.

Lotta ai decibel selvaggi e limitazioni anche negli orari di svolgimento degli spettacoli musicali in quel di Gallipoli all’interno e all’esterno di bar, ristoranti, pub, pizzerie e paninoteche dunque.

Il provvedimento emanato da inizio settimana prevede in particolare che lo svolgimento all'esterno degli esercizi pubblici degli intrattenimenti musicali è consentito dal 30 giugno all'8 agosto e dal 17 agosto al 30 settembre sino alla mezzanotte. Mentre nella sola settimana dal 9 al 16 agosto il limite è fissato sino all'una del giorno successivo.

Ovviamente anche all'interno di locali il livello sonoro dovrà essere di intensità tale da non arrecare disturbo alla quiete pubblica. L’ordinanza ribadisce infatti che le attività di intrattenimento musicale quali piano bar, concertini musicali, attività musicali mixate (con presenza di disk jockey), juke-box, musica diffusa da impianti hi-fi, karaoke e trattenimenti di svago vari, sia dal vivo che con l'ausilio di mezzi sonori, effettuati all'interno e all'esterno dei pubblici esercizi, si devono svolgere senza superare i limiti massimi di esposizione al rumore previsti dalla normative in vigore in materia di inquinamento acustico.

Una nuova battaglia per la vivibilità, soprattutto nel borgo antico di Gallipoli, sulla quale già ad inizio della stagione estiva aveva preso posizione l’assessore con delega alla Polizia locale, Stefania Oltremarini, preannunciando l’attività di controllo per il rispetto di orari e volume delle emissioni sonore legati agli spettacoli e intrattenimenti musicali dei locali.

Ma come rimarcato anche nel testo della relativa ordinanza dal primo cittadino, Minerva, “continuano a pervenire presso gli uffici comunali segnalazioni da parte di cittadini e residenti relativamente a turbative alla quiete ed al riposo causate dall'eccessiva amplificazione della diffusione musicale da parte di locali ed esercizi commerciali di intrattenimento.

Per questo motivo” spiega il sindaco, “si è ritenuto opportuno, di conseguenza, adottare un apposito provvedimento al fine di salvaguardare il riposo delle persone, procedendo a stabilire orari entro i quali consentire agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande ovvero bar, ristoranti, pizzerie e paninoteche lo svolgimento di attività oltremodo rumorose anche con diffusione di musica”.

IMG_8888-12-9

L’ordinanza è già in vigore e per i titolari dei locali che non osserveranno gli orari e le prescrizioni sono previste sanzioni di un minimo di 25 e sino a 500 euro. In caso di reiterate violazioni sarà disposta la comunicazione di inosservanza al questore al fine dell'applicazione della misura della sospensione dell'attività per 15 giorni in base alle norme del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

L’ordinanza prevede anche che il sindaco potrà concedere deroghe orarie alle disposizioni in vigore per manifestazioni pubbliche di forte richiamo organizzate dall'amministrazione comunale o con il suo patrocinio, ovvero per trattenimenti musicali effettuati presso gli esercizi pubblici che necessitano di un prolungamento degli eventi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica per bar e ristoranti sino a mezzanotte. In vigore la nuova ordinanza

LeccePrima è in caricamento