Gallipoli

“Ogni goccia conta”, dal Polo2 vademecum contro lo spreco delle risorse idriche

Le iniziative dell’istituto comprensivo di Gallipoli in occasione della Giornata mondiale dell'acqua e del progetto avviato in riferimento ad uno degli obiettivi dell'Agenda 2030

GALLIPOLI - L’Istituto Comprensivo Polo 2 di Gallipoli, scuola associata Unesco Asp-Net, diretto da Lucilla Vaglio, nell’ambito del progetto “Ogni goccia conta”, inerente all’obiettivo sull’accesso universale ed equo all’acqua potabile, uno dei goals dell’Agenda 2030, si pone l’obiettivo di promuovere comportamenti più responsabili nei confronti della risorsa idrica, attraverso itinerari progettuali partecipati e condivisi anche con l’Acquedotto pugliese, in merito alla lotta agli sprechi e ai comportamenti  virtuosi nell’ottica della sostenibilità.

Il percorso affronta la tematica dell’acqua partendo dalla sua reale distribuzione e accessibilità nella regione Puglia. Si fa riferimento anche alle tradizioni culturali e religiose ad essa collegate per verificare la reale importanza, non solo fisica, per la sopravvivenza, ma anche socio-culturale per la popolazione.

Il progetto, curato dalla docente-tutor Antonella Casavecchia, prevede una serie di incontri-dibattito, in modalità telematica, che hanno come protagonisti gli alunni dell’istituto comprensivo messi a confronto con esperti del settore. In uno degli incontri già svolti, sono stati coinvolti Luigi Centonze e Domenica Pasca, figure professionali altamente qualificate dell’Aqp, i quali hanno stimolato gli alunni ad una riflessione partecipata che, partendo dai vissuti quotidiani, induce ad avviare, anche attraverso piccoli gesti quotidiani,un graduale e consapevole processo di cambiamento, nella consapevolezza che “ogni singola goccia d’acqua deve essere utilizzata correttamente e responsabilmente”. 

Nell’ambito degli incontri, è stata affrontata anche la questione della carenza, e spesso della mancanza di acqua, in molte parti del Mondo, attraverso il contributo del Centro per il volontariato nel Salento di Brindisi-Lecce. Di grande impatto emotivo e formativo è risultata la testimonianza di Drissa Kone, presidente della comunità africana di Brindisi, che ha raccontato il dramma di tante popolazioni alle quali è negato il diritto vitale di accesso all’acqua potabile.

Gli esiti del percorso formativo sono stati divulgati lunedì, 22 marzo, in occasione della Giornata mondiale dell’acqua, attraverso la stesura  di un  manifesto sulle regole utili ai fini del risparmio idrico, prodotto dell’azione sinergica tra l’istituto comprensivo del Polo 2 di Gallipoli, l’Aqp e il Csv Brindisi-Lecce, nella comune condivisione dei principi e degli obiettivi di promozione di una cultura dell’acqua come diritto umano e bene comune.

Il progetto prevede, inoltre, l’intervento concreto di risparmio idrico mediante l’applicazione dei riduttori di flusso ai rubinetti della scuola. Gli alunni, attraverso metodologie interattive e utilizzo di diversi linguaggi espressivi e della comunicazione, realizzeranno anche degli spot pubblicità-progresso che saranno presentati nell’ambito di “Trash Hack: Action Learning for Sustainable Development Launch Webinar”, attività promossa da Unesco AsPnet Parigi.

Il progetto ha come diretti destinatari i cittadini più piccoli e, attraverso loro, gli adulti, il territorio e la collettività. I piccoli utenti diventano di fatto ambasciatori dell'acqua, portatori di un messaggio importante ai fini di un uso sostenibile di una risorsa così preziosa, nei suoi molteplici riflessi: sostenibilità, solidarietà, quotidianità. Un percorso dunque che pone l'attenzione sull'acqua come risorsa, partendo dagli usi e consumi a livello mondiale e nazionale, passando per lo stato della risorsa oggi e il rapporto con l’ambiente che ci circonda, per arrivare poi all’analisi dei consumi  quotidiani e al cambiamento degli stili di vita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Ogni goccia conta”, dal Polo2 vademecum contro lo spreco delle risorse idriche

LeccePrima è in caricamento