menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vandali e degrado nel parco della legalità. “Comune garantisca sicurezza e decoro”

Residenti sul piede di guerra in via Pirandello dopo i danneggiamenti. Colpiti giochi, panchine e cestini. Sopralluogo di una volante

GALLIPOLI - E’ stato ribattezzato “il parco della legalità” dai residenti di via Pirandello, nel quartiere residenziale gallipolino di San Gabriele, in quanto l’area giochi e il parco attrezzato ha sostituito il vecchio campo di calcio in terra battuta realizzato senza autorizzazione su un terreno comunale. Ora ad oltre due anni dalla sua realizzazione, disposta dall’allora commissario straordinario Guido Aprea, la zona è stata abbandonata a se stessa, tra erbacce e degrado, e alcuni giorni addietro alcuni dei giochi e degli arredi, tra i quali panchine e cestini per i rifiuti, sono stati deturpati da atti vandalici poco edificanti. La situazione rischia quindi di sfuggire nuovamente di mano in una zona densamente popolata come quella del quartiere residenziale dell’ex Peep 3, e alcuni dei residenti hanno segnalato la questione del parco di via Pirandello tanto all’associazione di quartiere Città Nuova, quanto alla segreteria del sindaco Stefano Minerva e ai vigili urbani.

Il Comune è stato quindi reso edotto dei recenti danneggiamenti che sono stati provocati, verosimilmente durante le ore serali e notturne, nell’area attrezzata, priva di adeguata illuminazione pubblica, e che hanno interessato alcune staccionate, le panchine, una transenna e i cestini porta rifiuti che sono stati letteralmente divelti e “abbandonati” sul campo. Altri segni evidenti delle scorribande insensate sono ancora “impressi” sui giochi e le attrezzature ludiche per i più piccoli.  Dopo le segnalazioni il Comune, tramite l’ufficio tecnico e l’assessorato ai lavori pubblici, ha preso in carico l’impegno per ripristinare gli arredi e i giochi per i bimbi, ma sino ad oggi la situazione di stallo e i danni arrecati dai teppistelli di quartiere sono ancora visibili. Nella serata di ieri, inoltre, un ennesimo episodio è stato frenato sul nascere dal pronto intervento degli agenti di una volante del commissariato locale di Gallipoli, intervenuti a seguito di una segnalazione, i quali hanno identificato alcuni giovani del posto che stazionavano nell’area del parco giochi e che si sarebbero resi responsabili di nuovi atti di vandalismo. Da qui la nuova e reiterata presa di posizione dei residenti che incalzano e chiedono alle istituzioni preposte al controllo del territorio e sopratutto ad amministratori, dirigenti e funzionari comunali, di attivarsi per fronteggiare la problematica della sicurezza e del decoro.

“E’ veramente un peccato constatare che quello che potrebbe essere il fiore all’occhiello del nostro quartiere e un centro di aggregazione sociale per bambini e famiglie è ormai abbandonato al suo destino senza un controllo, illuminazione notturna, manutenzione dei giochi e pulizia delle aree circostanti” lamentano in coro i residenti di via Pirandello, “e ora la mancanza di vigilanza e di un sistema di videosorveglianza lascia la zona anche in balia dei vandali che hanno già iniziato a deturpare un bene della comunità cittadina per realizzare il quale si sono spesi quasi 25 mila euro di risorse pubbliche. Per questo abbiamo già segnalato il tutto al Comune e al comando dei vigili” concludono i residenti, “ai quali chiediamo di garantire maggiore sicurezza e cura per il nostro parco, innalzando anche il decoro urbano installando dei contenitori per le deiezioni canine vista la scarsa sensibilità anche dei padroni di cani per un luogo frequentato dai bambini”. Con una dei suoi ultimi atti amministrativi prima delle elezioni del 2016, il commissario straordinario Guido Aprea, aveva disposto di trasformare l'area comunale situata in via Pirandello in un punto di riferimento e di attrattiva per i più piccoli. Da qui la realizzazione dell'area giochi attrezzata con i giochi per i bambini oltre a panchine, rastrelliere, cestini, staccionate, una bacheca per le affissioni e senza dimenticare l'attenzione al verde, visto che il progetto prevedeva anche la piantumazione di alberi. Ma ora il rischio è che vandali e degrado prendano decisamente il sopravvento. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento