Martedì, 19 Ottobre 2021
Gallipoli Gallipoli

Da Gallipoli con barca e carrello nel sito protetto: bloccati due pescatori di frodo

In due sono stati fermati dai finanzieri a Torre Guaceto, la riserva marina nel Brindisino. Avevano decine di chili di pesce

TORRE GUACETO (Brindisi) – Sono entrambi di Gallipoli i due pescatori fermati nel corso della notte, nell’oasi protetta di Torre Guaceto, dai finanzieri di Brindisi. I professionisti, pescatori di frodo, stavano operando nella riserva tutelata. Gli operatori del Consorzio di gestione hanno avvistato l’ingresso dell’imbarcazione e l’hanno subito segnalata alle fiamme gialle. Immediato l’intervento dei militari, a bordo di una motovedetta.

I due gallipolini avevano raggiunto la riserva in auto con tanto di carrello utile per il trasporto della barca lunga sei metri. Lasciato il mezzo al primo porticciolo utile, sono poi arrivati a Torre Guaceto via mare. Qui hanno disteso una lenza del tipo palamito, lunga circa sei chilometri e carica di diverse centinaia di ami,  da Punta Penna Grossa sino agli isolotti di Apani, a pochi metri di distanza dalla zona A, la Riserva a tutela integrale.

Quando gli uomini dell’unità navale li hanno beccati in flagranza, i due pescatori stavano ritirando le reti in barca, con decine di chili di pesce all’interno. I due sono stati denunciati a piede libero per pesca di frodo. Il pesce, la barca e gli attrezzi da pesca sono stati sottoposti a sequestro. Già da diverso tempo a questa parte, si presagiva  che, di notte, a riparo da sguardi indiscreti, alcuni pescatori di frodo si stessero introducendo nell’area protetta per  depredare i fondali, infischiandosene  degli sforzi di tutela compiuti quotidianamente dall’ente. A questo punto, il personale del Consorzio ha iniziato a svolgere appostamenti ed a raccogliere elementi utili sui possibili autori del reato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Gallipoli con barca e carrello nel sito protetto: bloccati due pescatori di frodo

LeccePrima è in caricamento