rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
I documenti elaborati sono disponibili sul sito istituzionale / Gallipoli

Piano della mobilità ciclistica, ultime osservazioni prima dell’adozione definitiva

Entra nella fase conclusiva la progettazione della rete dei percorsi ciclabili lungo il territorio gallipolino che si estenderanno dalla marina di Lido Conchiglie, attraverseranno la città e proseguiranno sino all’area del parco naturale di Punta Pizzo

GALLIPOLI - La svolta della mobilità ciclistica in quel di Gallipoli prosegue il suo iter e volge verso la sua attuazione definitiva dopo le sollecitazioni giunte da più parti in questi anni per la creazione di una essenziale rete di piste ciclabili per gli spostamenti ecosostenibili nella città e lungo i due litorali.

L’amministrazione comunale con un’apposita delibera ha già adottato la bozza del Piano della mobilità ciclistica formalizzato dopo che nel 2021, con la partecipazione dell’ente al bando pubblico per l'assegnazione di contributi finalizzati alla redazione dei “Piani della mobilità ciclistica degli enti locali” promosso dalla Regione, aveva ottenuto  fondi per  40 mila euro.

Un progetto sul quale l’amministrazione di Palazzo Balsamo è al lavoro da oltre un anno con una  programmazione che prevede la redazione dei piani per la realizzazione di percorsi ciclabili lungo il territorio gallipolino che si estendono dalla marina di Lido Conchiglie, attraversano la città e proseguono sino all’area del parco naturale di Punta Pizzo. Si tratta di una fase che potrà permettere, superato il primo step della redazione, di realizzare i vari percorsi ciclabili a servizio del territorio e del litorale.

Un lavoro nato e sviluppato dopo un anno di analisi, studio e raccolta. Infatti, nei mesi scorsi, l’associazione responsabile del progetto Emys di concerto con gli uffici comunali preposti e con l’ingegnere Vincenzo Congedo, tecnico incaricato della progettazione, ha organizzato azioni di coinvolgimento ed indagine con le scuole, azioni di promozione e comunicazione cittadina attraverso canali social e sito web, manifesti per la raccolta dati ed indagini con questionari sul territorio, oltre che organizzare e gestire momenti di confronto collettivo ed incontri partecipati anche con stakeholder del territorio.

I risultati, ottenuti a seguito dello svolgimento delle attività, sono stati presi in considerazione dal tecnico incaricato per redigere il piano ora adottato e che ora viene sottoposta alla valutazione della cittadinanza e ad ulteriori osservazioni prima dell’approvazione definitiva.  

Come spiegato dal Comune, al fine di garantire una maggiore trasparenza, la delibera di adozione del piano, unitamente agli elaborati contenenti tutte le specifiche del piano di mobilità, sono depositati presso l’ufficio di segreteria, in libera visione al pubblico per 15 giorni, successivi e consecutivi, decorrenti dalla data di pubblicazione dell’avviso sul sito istituzionale del Comune. Ed è possibile anche visionare la documentazione direttamente dal link inserito nell’avviso pubblico.

“La notizia è stata regolarmente pubblicata sul sito del Comune e prima del termine dei giorni utili intendiamo dare ancora più visibilità alla procedura per assicurarci che venga recepita da tutti" spiega l'assessore Riccardo Cuppone, "un Piano di mobilità è comunità, è partecipazione, è il percorso condiviso di mesi e mesi di lavoro. Superata questa fase continueremo a lavorare in questa direzione”.

La strategia territoriale sulla mobilità ciclabile tra l’altro si pone in continuità con quanto già sperimentato nel corso degli anni attraverso la realizzazione della “ciclorete turistica del Sac Salento di Mare e di Pietre” e dovrà contemperarsi con i progetti di riqualificazione della litoranea e del lungomare Galilei e del lungomare Marconi.

Attualmente gli uffici comunali preposti hanno già individuato le piste ipotizzate dal Piano regionale dei trasporti e dal Piano territoriale di coordinamento provinciale, che costituiscono il supporto di quella che si andrà a definire come rete urbana e territoriale. Tra i presupposti alla base della redazione del piano si pone in evidenza il collegamento tra i litorali e la città, dove è prevista una velostazione nell’ambito della “Ciclovia dei Tre Mari” di interesse regionale.

Immagine-213

Nelle linee di indirizzo sono stati evidenziati i possibili percorsi che partono dal litorale nord fino a quello sud e i punti intermodali del contesto cittadino quali la stazione ferroviaria, il porto commerciale e la stazione degli autobus di via Zacà.

Chiunque abbia delle osservazioni sulla documentazione, sulle procedure e qualsivoglia aspetto in merito alla redazione del piano e in generale chiunque abbia interesse può presentare le proprie osservazioni, esclusivamente a mezzo Pec all’indirizzo sportellounicoedilizia.comunegallipoli@pec.rupar.puglia.it, specificando nell’oggetto “Adozione Piano della Mobilità Ciclistica-osservazioni”.

Possibile rete-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano della mobilità ciclistica, ultime osservazioni prima dell’adozione definitiva

LeccePrima è in caricamento