Sabato, 31 Luglio 2021
Gallipoli

Pochi soldi, ma la festa è servita. Sul corso luci per Santa Cristina

Terminati i festeggiamenti su via Lecce per la madonna del Carmine, ecco il programma civile e religioso per la “patrona” cara ai gallipolini. Pochi fondi, ma Comitato e Comune a lavoro per la tre giorni con musica, vela e cuccagna

GALLIPOLI – La volontà e la fatica, anche in tempi di magra, per far tornare agli antichi splendori la festa tanto cara ai gallipolini. Un ritorno al passato muovendo flebili, ma significativi passi, verso una rivisitazione globale e degna del suo blasone per la festa di Santa Cristina, evento popolare da sempre croce e delizia dell’estate in riva al mare. Il programma religioso e quello civile sono già pronti.

E il Comitato promotore, che negli ultimi anni sta rinsaldando le fila per rilanciare i festeggiamenti, serra i tempi. Nonostante la penuria di risorse economiche, non più ossigenate dai contributi pubblici, e la ritrosia atavica delle categorie commerciali e imprenditoriali autoctone a foraggiare le casse degli organizzatori, ancora una volta non consente di concedersi sfarzi ed eccessi di sorta. Ma l’impegno e il lavoro proseguono di gran lena, e mentre da via Lecce si congedano luci e bancarelle dei festeggiamenti per la madonna del Carmine, sul centralissimo corso Roma è già tempo di paramenti e montaggio delle luminarie messe a disposizione dal Comune che in questi giorni (sulle sette offerte richieste alle ditte specializzate) ha licenziato favorevolmente per l’allestimento mobile garantito dalla ditta Mariano di Maglie.

Poi già da questa domenica, con un appuntamento marinaresco che farà da apripista per i festeggiamenti civili, si entrerà nel clima dell’evento popolare. Il 21 luglio infatti il Comitato festa di Santa Cristina in collaborazione con il Circolo della vela, l’istituto Nautico Vespucci, l’Assonautica, a Lega navale e l’associazione Gallipoli Nostra, ha organizzato la 1^ veleggiata “Trofeo Santa Cristina” che si svolgerà nelle acque del porto mercantile. Dal 23 luglio si entrerà poi nel vivo dei festeggiamenti veri e propri secondo il programma già stabilito dal Comitato retto da Benito Carrozza, Domenico Ripa, Jhonny Leone e Luigi Manno e in collaborazione con il Comune di Gallipoli. All’alba dei tre giorni di feste ci sarà il rituale saluto dallo sparo di colpi a salve.

Foto 2-9-29Dalla mattina del 23 luglio per le vie cittadine si esibirà il concerto bandistico Città di Bari che accompagnerà anche la solenne processione che si snoderà dalle 19,30 e che al suo rientro nel centro storico sarà accompagnata dallo sparo di un fuoco pirotecnico della ditta Luigi Dario di Matino. In piazza Tellini nella cassa armonica di scena la musica dell’operetta. Il 24 luglio i concerti bandistici per le vie della città, per il concertone nel teatro Italia e della serata, in piazza Tellini, saranno a cura delle bande Città di Racale e Città di Noci. Alle 17  l’appuntamento nel porto è con la suggestiva e tradizionale “cuccagna a mare”. Allo scoccare della mezzanotte lo spettacolo pirotecnico presso il molo foraneo.

Si chiude nella giornata del 25 luglio con lo spettacolo di musica leggera a cura dei Pathos Taranta in piazza Aldo Moro, dalle 21, in attesa del doppio spettacolo con i fuochi pirotecnici sul molo foraneo del porto che concluderà la tre giorni dei festeggiamenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pochi soldi, ma la festa è servita. Sul corso luci per Santa Cristina

LeccePrima è in caricamento