Giovedì, 29 Luglio 2021
Gallipoli

Buche, asfalto e nuovi fondi. Gallipoli 2012 e sindaco “giocano” al lotto

Botta e risposta tra la civica di Petrucci e Suez e la giunta Errico sullo stanziamento di 100mila euro per i lavori delle strade. "Somme estratte sulla ruota di Gallipoli". La replica: "Opere confermate, basta leggere le carte"

Una delle strade di Gallipoli

GALLIPOLI – I futuri interventi annuncianti dal Comune per il ripristino del manto stradale e la copertura delle buche sulla scorta di uno stanziamento di 100mila euro approvato nell’assestamento di bilancio dello scorso anno, fanno “estrarre” un nuovo fronte di polemica. Ad asfaltare la via dello scontro aperto la civica Gallipoli 2012 che rintuzza l’amministrazione comunale del sindaco Francesco Errico. Infatti nel momento stesso in cui lo stresso primo cittadino e l’assessore ai lavori pubblici, Felice Stasi, hanno rassicurato, dopo gli interventi tampone, circa la sistemazione stradale a partire dalla prossima primavera (lavori da posticipare a causa della “stagione delle piogge”) e annunciato la disponibilità delle somme, dai banchi dell’opposizione la lista dell’ex candidato sindaco Aldo Petrucci, ora rappresentata in Consiglio comunale da Luigi Suez, ha subito parlato di “avventate dichiarazioni con numeri estratti come in un approssimato gioco del lotto”.

L’accusa diretta mossa da Gallipoli 2012 è circostanziata sul fatto che per riparare le strade “il sindaco vanta lo stanziamento di 100mila euro nell’assestamento di bilancio, ma purtroppo si tratta di assestamento relativo al 2013. Vale a dire che quei soldi o sono stati spesi nello scorso anno, ma se fosse così non se ne è accorto nessuno, oppure pur assestati non sono stati spesi affatto”.

L’associazione di Gallipoli 2012 ha evidenziato altresì che il piano triennale dei lavori pubblici non prevede alcuna spesa per le strade, mentre la giunta comunale, nella ripartizione di proventi della sanzioni per la violazione del codice della strada, ha disposto solo la somma di 10mila euro per ogni anno dal 2013 al 2015. “A questa amministrazione rimproveriamo tante cose” ammoniscono da Gallipoli 2012, “dalla mancanza di trasparenza negli atti alla gestione clientelare di incarichi e nomine ma, tra tutte, le promesse fatte per essere disattese giocando sulla cattiva memoria di coloro che trattano come sudditi”.

Valutazioni sulle quali l’amministrazione comunale gallipolina ha posto subito la sua controreplica con una nota ufficiale . Per quanto riguarda il piano dei lavori pubblici, in fase di bilancio di previsione “sono stati stanziati 10mila euro per lavori ordinari di manutenzione e 66.400 euro per lavori straordinari di manutenzione di vie, strade e piazze” precisano all’unisono gli assessori Antonella Greco e Felice Stasi. Le variazioni di bilancio approvate in Consiglio, consistenti in circa 100mila euro, provenienti in parte dai proventi delle sanzioni amministrative, a quanto precisano dal Comune sono state impegnate ed inserite nel capitolo riguardante  i lavori di manutenzione ordinaria delle strade, aggiungendosi ai precedenti 10mila euro.

“E’ chiaro  che avendo approvato la variazione di bilancio a fine novembre” spiega l’assessore Greco, “e potendo contare su ulteriori entrate, le somme sono state impegnate, ma verranno spese e dunque liquidate nel corso del 2014, a lavori eseguiti. Nessun gioco di prestigio e nessun calcolo approssimato dunque” conclude il vicesindaco, “è alquanto ingeneroso parlare di estrazione casuale di numeri al lotto. Far quadrare un bilancio comunale è un’operazione che richiede impegno e lavoro e a maggior ragione in un momento di particolare difficoltà quale quello che stiamo vivendo è necessario prestare attenzione anche alle piccole somme e ai più piccoli dettagli.

Per comprendere sarebbe stato sufficiente leggere con più attenzione le carte”. Sulla questione, e sotto il profilo più strettamente politico, interviene anche il sindaco Errico  riguardo  l’affermazione secondo cui l’amministrazione tratterebbe come sudditi i cittadini. “Ritengo che sia gravissimo l’utilizzo anche solo strumentale di certa terminologia” tuona Errico, “affermare che trattiamo i cittadini come sudditi, e quindi come sottomessi, oltre che offensivo nei nostri confronti, lo è soprattutto nei confronti dell’elettorato che democraticamente e liberamente ha scelto da chi essere rappresentato.

Non si possono tollerare queste affermazioni e illazioni gratuite e pretestuose che hanno il solo obiettivo di buttare ombre sul nostro operato e minano il lavoro e l’impegno quotidiano di questa amministrazione nel garantire equità e trasparenza”. Il fronte della contrapposizione tra Gallipoli 2012 e l’amministrazione in carica non si esaurisce certo sul tema delle strade e dei relativi fondi. Altre code polemiche interessano in questi giorni l’approvazione del piano di zona, la mancata autorizzazione dell’installazione di una bacheca informativa sul corso Roma richiesta dall’associazione, e le ultime autorizzazioni sulle manifestazioni in piazza e sul lungomare  per il capodanno.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buche, asfalto e nuovi fondi. Gallipoli 2012 e sindaco “giocano” al lotto

LeccePrima è in caricamento