Gallipoli

Politica e solidarietà dal M5S. Referendum e banco alimentare del meetup di Gallipoli

Festività all’insegna delle iniziative per i grillini della cittadina ionica con raccolta firme e di beni alimentari in piazza Tellini. Presentata anche richiesta al Comune per destinare l’8 per mille all’edilizia scolastica e alla mensa biologica

GALLIPOLI – Giorni di festa e di attivismo per il meetup del Movimento 5 Stelle di Gallipoli che   comunica le sue iniziative a livello locale, ma anche sul referendum nazionale e in vista delle consultazioni regionali, promosse dai cittadini pentastellati. A partire dal ringraziamento alla cittadinanza per il notevole afflusso in occasione della raccolta firme per l’indizione del referendum “Fuori dall’Euro” con il centro di raccolta allestito in questi giorni in piazza Tellini che a quanto reso noto dai grillini ha fatto registrare una quota rilevante di adesioni, risultando in tutta la provincia secondo solo alla città di Lecce.

Risultato eccellente quanto inaspettato. Sempre su iniziativa dei cittadini attivisti del movimento di Beppe Grillo, i referenti Davide Carrozza e Massimo Potenza, hanno formalmente inoltrato al sindaco Francesco Errico e all’amministrazione comunale una richiesta e un sollecito per l’attivazione della procedura finalizzata alla richiesta della destinazione dell’8 per mille all’edilizia scolastica e l’adozione della mensa biologica per gli asili, in linea con gli emendamenti proposti e adottati già dal Movimento 5 Stelle in Parlamento.

Inoltre, a partire dal prossimo allestimento del gazebo per la raccolta firme “Fuori dall’Euro”, il movimento rende noto che allestirà un “Banco alimentare Natalizio” intervenendo così localmente e concretamente sul territorio. Il banco alimentare natalizio, esteso anche a tutto il 2015,  verrà effettuato in collaborazione con una parrocchia di Gallipoli, già individuata dagli attivisti, in modo che i beneficiari, già viventi il disagio della miseria, non sappiano chi dona loro quanto riceveranno, ma sapranno soltanto che i cittadini di Gallipoli si sono mobilitati per dare un concreto aiuto.

“Il tutto perchè l’aiuto non sia solo prerogativa opportunistica o di circostanza durante il Natale o nelle ricorrenze come da sempre accade” sottolineano dal meetup gallipolino. E questa è solo una delle iniziative, rivolte ai cittadini in seria difficoltà, che saranno successivamente annunciate per il nuovo anno. Da qui anche l’invito dei grillini a tutti i giovani della città, e a chi ha voglia di lottare ed esporsi per la propria terra, ad unirsi al meetup del Moviemento 5 stelle.

Infine sul piano strettamente politico, nel tentativo di intraprendere un nuovo percorso di impegno, attivismo e proposte sul territorio, il meetup di Gallipoli ha comunicato “di non voler esprimere, nonché supportare, alcuna candidatura per le imminenti "regionIMG_167252829844094-2arie" online, lasciando i propri iscritti liberi di valutare singolarmente i candidati e di effettuare le proprie scelte in totale autonomia, successivamente alla partecipazione alle graticole”. Inoltre in riferimento alla nascita di nuovi movimenti e associazioni locali che richiamano alle caratteristiche identitarie del M5S, i cittadini del meetup gallipolino ritengono “dispersivo, improduttivo, poco chiaro, non apertamente schierato, se non addirittura nociva, la partecipazione dei nostri attivisti ad associazioni politico culturali che, pur facendo un chiaro riferimento al M5S, scelgono moderatamente il vedo non vedo, il vedremo. 

La fondazione stessa di tali associazioni è da noi ritenuta oltre che doppia rispetto al già esistente strumento di attività politica ufficiale e cioè il sito del Meetup, operativamente inutile, oltre che motivo di auto estromissione”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Politica e solidarietà dal M5S. Referendum e banco alimentare del meetup di Gallipoli

LeccePrima è in caricamento