Gallipoli

Patto di ferro Quintana-Perruccio. “Vogliamo vincere e governare a lungo la città”

Presentazione del candidato sindaco del centrodestra. Ticket con il coordinatore Cor che in caso di vittoria sarà vicesindaco. “Renzo Piano per il Pug e porto turistico alla Giudecca”

Una foto della presentazione odierna.

GALLIPOLI – Le liti e le ruggini sembrano quasi un lontano ricordo. O quasi. E anche l’assenza di Vincenzo Barba, impegnato fuori sede per altri incontri già programmati, ha fatto per un attimo sussultare e temere su nuove e vibranti lacerazioni, ma la tregua sembra sancita.

Per Sandro Quintana e il centrodestra gallipolino oggi è il tempo dell’investitura ufficiale. L’obiettivo dichiarato in sede di presentazione, nelle sale dell’hotel “33 Baroni” di via Mazzini, è quello di aprire una stagione nuova, intrisa di pacificazione e programmazione, e di guardare avanti con pragmaticità e responsabilità dichiarata alle cose concrete da fare. Tante, ma senza un libro dei sogni da svelare. E con un patto di ferro per coagulare il nuovo centrodestra di Gallipoli, che vede il candidato sindaco Quintana presentarsi in totale sintonia con il neo coordinatore dei Conservatori e riformisti, Giuseppe Perruccio, che in una potenziale e futura squadra di governo viene subito indicato nel ruolo di assessore e vicesindaco.

Non un passo indietro, ma uno greve e ponderato “al fianco” del progetto di Quintana sindaco, quello di Perruccio che rimarca “la sua coerenza nello sposare un progetto politico che è quello del centrodestra. Una scelta di campo che non può prevedere salti della quaglia e  non può mutare a seconda o meno del ruolo che mi viene assegnato”. Il segnale è chiaro: Perruccio non “tradisce” la causa e pur avendo preso atto per  due volte della mancata convergenza sulla sua persona come guida della coalizione, resta fedele e allineato. E il progetto di riunificazione del centrodestra può andare avanti. Anche e soprattutto con Vincenzo Barba rinforzo di primo piano in casa di Forza Italia. Toni pacati e idee chiare sul tavolo della conferenza di presentazione di Sandro Quintana candidato sindaco della colazione di centrodestra. Con un obiettivo rilanciato dall’asse Perruccio, Quintana, Baldari e dal coordinatore provinciale di Noi Con Salvini, Leonardo Calò: “questa coalizione punta a vincere, e possibilmente al primo turno,  per realizzare una squadra capace di governare stabilmente questa città. E l’obiettivo è quello di governare non la città del passato o quella del futuro, ma la Gallipoli del presente quale città volano di cultura e turismo”.                           

Il tutto con il sostegno forte di una coalizione a supporto di Quintana che già allo stato attuale conta di otto liste più una in formazione: Forza Italia, Cor (Conservatori e Riformatori), Noi con Salvini, Democrazia Cristiana, Alleanza Nazionale-Fratelli d’Italia, Lista Sandro Quintana sindaco, Crescere Insieme, Area Popolare, e una lista “rosa”, tutta composta da donne. “Nel nostro progetto di città non conta il singolo, ma la squadra” spiega Perruccio, “e, in tal senso, ritengo che il primo obiettivo sia proprio quello di costruire una forte e vincente coalizione, che possa ottenere il risultato sin dal primo turno. Il mio non è stato un passo indietro, ma il riconoscere che in certi casi conta soprattutto il progetto comune. Ecco perché mi vedo assolutamente al fianco dell’amico Sandro. Gallipoli merita molto di più, sin dal presente”.

Lo slogan della campagna elettorale sarà quindi quello della “Gallipoli adesso” o “Adesso Gallipoli” per creare basi di sviluppo e di speranza per le nuove generazioni. Lo sforzo di addivenire ad una soluzione condivisa per il centrodestra gallipolino è stato evidenziato anche dal coordinatore cittadino di Forza Italia a Gallipoli, Antonio Baldari: “Non è detto che i percorsi agevoli siano quelli che conducono lontano. A volte è necessario viaggiare per strade sterrate in salita, che possono però preludere ad una grande impresa o ad un vero e duraturo traguardo. Io credo che ci siano tutte le condizioni per avviare un progetto di vera crescita e duratura collaborazione tra le forze politiche del centrodestra a Gallipoli, per una città che auspica soluzioni e sviluppo. Questo centrodestra” conclude Baldari, “sta dimostrando che non è litigioso e spaccato come fa comodo a qualcuno dipingerci, ma che anche con un percorso e un lavoro che sapevamo non certo facile e agevole siamo riusciti a trovare una convergenza su un programma e su una candidatura che parte dal basso. E siamo noi quelli che veramente vogliono cambiare le cose e siamo tutti allineati, perché è così che si vincono le battaglie più importanti”. 

Idee chiare e fermi propositi, con il sostegno di una coalizione politica ritenuta fortemente coesa e determinata, quelle del candidato sindaco Sandro Quintana. “I programmi si realizzano con la stabilità amministrativa. E noi puntiamo non solo a vincere le elezioni, ma anche ad amministrare Gallipoli per i prossimi dieci anni” esplicita Quintana, “abbiamo le idee chiare, dai progetti allo stadio di fattibilità degli stessi, con l’eventuale coinvolgimento dei privati e servendoci delle migliori professionalità, note anche a livello nazionale e internazionale: il Pug di Gallipoli ad esempio ho intenzione di farlo progettare da Renzo Piano in collaborazione con le professionalità locali. Non siamo per il libro dei sogni” dice ancora Quintana, “ma per la Gallipoli del presente. E Perruccio non potrà non essere al mio fianco, come assessore e vice sindaco”.

Valorizzazione del centro storico e della “Gallipoli sotterranea”, i problemi ambientali dello scarico del depuratore e la fitodepurazione,  i “costi” della nettezza urbana e i controlli con le guardie ecologiche, la viabilità e l’internalizzazione del servizio dei parcheggi comunali, il turismo e il porto turistico da realizzare sul litorale di scirocco, l’integrazione del porto commerciale con lo scalo crocieristico, il piano urbanistico generale e il progetto di un palazzetto dello sport entro i primi mesi di mandato. Questi  alcuni spunti del programma politico che a grandi linee ha esposto Quintana e che prevede a suo dire tanti “progetti concreti da realizzare, con piani concreti e non estemporanei”. Il tutto riportando la politica gallipolina nella sua storica sede istituzionale di Palazzo Balsamo e “rafforzando le direttrici di legalità, ordine, e sicurezza” nel solco del lavoro svolto in questi mesi dalla gestione commissariale di Guido Aprea. Questi gli impegni e le assunzioni di responsabilità dichiarate. Quelle che avranno di contro le idee e la programmazione delle coalizioni di Fasano, Minerva e Provenzano.       

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patto di ferro Quintana-Perruccio. “Vogliamo vincere e governare a lungo la città”

LeccePrima è in caricamento