Giovedì, 18 Luglio 2024
Gallipoli

Gallipoli si conferma “città delle tartarughe”: qui il primo nido di tutta la Puglia

La scoperta la notte scorsa, davanti al lido del Costa Brada. Sul posto è giunto il responsabile del Centro di recupero del Museo di Calimera. Il sito sarà monitorato fino alla schiusa delle uova

GALLIPOLI – Gallipoli si conferma “città delle tartarughe”, usando le stesse parole del sindaco Stefano Minerva. Già, perché proprio sul litorale della Città Bella, a circa 3 chilometri dal centro abitato, la scorsa notte, si è verificato il primo caso di nidificazione di tutta la Puglia.  

La scoperta si deve al guardiano notturno del lido dell’Hotel Costa Brada. Durante la consueta perlustrazione, infatti, l’uomo ha avvistato una femmina di tartaruga marina di grosse dimensioni che risaliva la spiaggia. Così, ha subito preso contatto con la Capitaneria di porto di Gallipoli che, a sua volta, come da protocollo, ha avvisato Piero Carlino, responsabile del Centro recupero tartarughe marine del Museo di storia naturale del Salento.

Video | L'arrivo della tartaruga

Carlino e un collaboratore del Centro hanno quindi raggiunto il luogo, per confermare l’avvenuta nidificazione e procedere con la messa in sicurezza del sito. Al loro arrivo la gigantesca femmina di Caretta caretta era intenta a deporre le uova, sullo sfondo la bella città di Gallipoli faceva da cornice all’evento. Il problema, però, è che aveva scelto un luogo troppo vicino al bagnasciuga, di conseguenza, al temine della deposizione, gli operatori hanno dovuto procedere con uno spostamento del nido, arretrandolo in una posizione più sicura e che possa garantire tutti i parametri ideali per l’incubazione delle uova.

“Questo evento – spiega Carlino – dimostra ancora come il litorale ionico salentino sia un’area cruciale nella tutela di questa specie, poiché la maggior parte degli eventi di nidificazione avvenuti nel Salento si sono verificati su questo litorale negli anni passati. Grazie alla collaborazione oramai consolidata tra il Crtm, la Capitaneria di porto e a tutti i volontari, che con passione e abnegazione si rendono disponibili a sostenere le attività di tutela di questa specie – prosegue –, a oggi è diventato possibile fornire tempestivamente un intervento professionale ed efficace nel monitoraggio e nella protezione degli eventi di nidificazione”.

Foto 4-65

Il nido per i prossimi due mesi sarà monitorato fino alla schiusa dal Crtm, che ha sede a Calimera, grazie al fondamentale supporto dei volontari del circolo Legambiente di Gallipoli e alla collaborazione dello staff dell’hotel, che già nella nottata si è messo a disposizione degli operatori del Centro.

“Siamo contenti di eventi di questo tipo”, commenta il sindaco Minerva. “Sono simbolo di sostenibilità e chiaramente pulizia delle spiagge e del mare. Mi auguro che tutto possa procedere al meglio e che tra circa due mesi potremmo ammirare il magico momento della schiusa”.

Maurizio Manna, responsabile biodiversità di Legambiente Puglia, aggiunge: “Il primo nido del Salento, a Gallipoli, comune delle tartarughe, e in un’area protetta, è un’ottima notizia, così come la attenzione e la collaborazione con gli operatori turistici della costa. Ora inizia l’impegno dei volontari locali e dei giovani de campo di volontariato di Legambiente ormai alle porte, che veglieranno sul nido fino alla schiusa curando attività di informazione e sensibilizzazione facendone un’aula didattica per la comunità della spiaggia”.

Dal canto suo, Anio Inannuzziello direttore dello storico Costa Brada, si è detto particolarmente felice che la tartaruga abbia scelto il suo “hotel” come luogo per deporre le proprie uova e si è mostrato pronto a fare tutto ciò sia necessario affinché la nidificazione vada a buon fine. “Il coinvolgimento delle strutture presenti sulla costa è fondamentale per la buona riuscita dell’attività di monitoraggio, per la tutela della tartaruga marina, ma soprattutto per la sensibilizzazione verso turisti e locali che ogni giorno si spostano verso le coste salentine”, il suo pensiero.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gallipoli si conferma “città delle tartarughe”: qui il primo nido di tutta la Puglia
LeccePrima è in caricamento