rotate-mobile
Minerva: “Una promessa fatta ai bambini del centro storico” / Gallipoli

Progetto di valorizzazione per le nove fontanine pubbliche della Città Bella

Nell’ambito del programma legato alle “Sorgenti di comunità” di acquedotto pugliese l’amministrazione comunale ha disposto gli interventi di rigenerazione delle fontane cittadine che prevedono anche un nuovo piano di manutenzione

GALLIPOLI - Le nove fontanine dell’acquedotto pugliese, dislocate nel territorio gallipolino, saranno presto rigenerate e valorizzate garantendo nuovo decoro e la loro fruibilità. E’ questo il nuovo progetto messo in atto dall’amministrazione comunale con lo scopo di valorizzare uno dei simboli della città, di promuovere comportamenti sostenibili, la cultura del risparmio idrico ed il diritto universale all'acqua pubblica.

Ad oggi le fontanine presenti sul territorio comunale sono quelle dislocate nel largo Puritate, lungomare Galilei, la riviera Nazario Sauro, la riviera Colombo e la riviera Diaz (queste ultime tre nel periplo del centro storico), in via della Cala, via Ravenna e viale Bovio. Il progetto sarà subito realizzato.

“Per tre anni garantiremo la giusta manutenzione e attenzione alle fontanine in ghisa dell’Acquedotto pugliese che hanno avuto, nella nostra terra, un grande ruolo sociale” spiega il sindaco Stefano Minerva, “e che oggi rappresentano una rete di beni culturali minori la cui valorizzazione deve essere obiettivo comune delle amministrazioni. Questa è una promessa fatta ai bambini del centro storico che ci accingiamo a mantenere: riattivare le fontanine e renderle fruibili”.

Nell’immaginario collettivo infatti, il simbolo che rimanda immediatamente alla funzione e all’importanza dell’Acquedotto pugliese è la storica fontanina che si può rintracciare nei borghi pugliesi, e dunque anche a Gallipoli, che ha portato la prima acqua pubblica salubre nelle comunità.

Il progetto “Sorgenti di Comunità-Fontanine di Puglia” prevede la rigenerazione e riqualificazione delle fontane e dei siti in cui esse insistono al fine di assicurare la funzionalità, l’efficienza e la conservazione in buono stato della rete e delle apparecchiature mediante interventi, verifiche e controlli periodici che comprendono l’esecuzione di lavori di manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria realizzati da operatori e tecnici qualificati e con esperienza nel settore. Non mancherà, all’interno del progetto, una campagna d’informazione e sensibilizzazione sull'acqua bene comune e sul risparmio e l’uso responsabile delle risorse idriche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto di valorizzazione per le nove fontanine pubbliche della Città Bella

LeccePrima è in caricamento