Gallipoli Piazza Tellini

Tagli al Sacro Cuore, centinaia di gallipolini in piazza per dire "No" ad Emiliano

Si è svolto a partire dal pomeriggio il sit-in di protesta contro il ridimensionamento della struttura sanitaria della Città Bella, previsto dal piano regionale di riordino ospedaliero. Hanno preso parte diversi sindaci ed esponenti politici, associazioni locali, i tifosi gallipolini e gli stessi medici dei vari reparti

Un'immagine della manifestazione a Gallipoli

GALLIPOLI – Il senso di appartenenza ha incontrato il terrore dei disservizi. Davanti alla notizia del nuovo piano regionale di riordino ospedaliero che interesserà, tra gli altri, anche  il “Sacro Cuore di Gesù “ di Gallipoli, diversi esponenti politici, associazioni, e gli stessi medici del nosocomio sono scesi in piazza. In quasi 300 hanno partecipato al sit-in di protesta organizzato questo pomeriggio, in piazza Tellini, nella Città Bella: tra questi, persino i tifosi del Gallipoli Calcio e gli operatori turistici locali.

Slogan e messaggi incisi sui totem esposti in strada per urlare un corale “no” al ridimensionamento della struttura sanitaria. Il nuovo assetto proposto da viale Capruzzi prevedrebbe dei tagli al blocco chirurgico e la soppressione del pronto soccorso, in vista di un accorpamento con il “Francesco Ferrari” di Casarano.IMG_3756-2

Presenti, oltre ai sindaci di alcuni comuni dell’hinterland gallipolino, tra cui i primi cittadini di Alezio e di Sannicola, anche Flavio Fasano, nelle vesti di portavoce dell’associazione “Gallipoli futura”. Hanno anche partecipato Romano Fiammata, segretario locale dei Comunisti italiani, i referenti del Comitato cittadino di liberazione e la stessa associazione “Sacro Cuore di Gesù”. A salire sul palco, tra gli altri, gli stessi medici dei reparti dell’ospedale: dal primario di Nefrologia, a quello di Pediatria, passando per i responsabili di Chirurgia e Pneumologia, hanno tutti evidenziato il proprio dissenso nei confronti di un piano definito “scellerato”.

La soluzione partorita dall’ente regionale è stata definita “antieconomica”. Alcuni degli esponenti politici che hanno preso parte alla manifestazione, anzi, hanno sottolineato la necessità di potenziare i reparti del nosocomio, con investimenti e nuove infrastrutture. Ora attendono Michele Emiliano nella cittadina ionica, per un confronto de visu.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli al Sacro Cuore, centinaia di gallipolini in piazza per dire "No" ad Emiliano

LeccePrima è in caricamento