Giovedì, 24 Giugno 2021
Gallipoli

Troppi rifiuti “scaricati” a Lido Pizzo. Via i cassonetti e nuova raccolta

Da circa un anno bidoni stracolmi e materiale pericoloso abbandonato nelle strade della località a sud di Gallipoli. Il Comune corre ai ripari e passa alla raccolta "porta a porta". Dopo la rimozione dei contenitori il nuovo servizio partirà dai primi giorni di luglio

GALLIPOLI - Rifiuti di ogni genere e anche materiali pericolosi, come lastre di eternit e apparecchiature elettriche, scaricati in quantità quasi industriale nelle strade interne della località di Punta Pizzo. Una situazione non più tollerabile dal punto di vista tanto igienico e ambientale, quanto del decoro di una delle mete turistiche più gettonate della costa gallipolina. Ed da qui la decisione del Comune di cambiare registro dando anche, possibilmente, un impulso in più alla raccolta differenziata (che langue ancora ad una media per il 2014 del 9,27 per cento e con il rischio ecotassa sempre più in agguato) estendendo il servizio “porta a porta” per le residenze e le attività a ridosso della masseria del Pizzo e delle strade che si intersecano nella zona del Cotriero, e prima di giungere nella marina limitrofa di Mancaversa del comune di Taviano.

Dopo aver preso contezza della problematica che da circa un anno interressa il territorio a sud della città bella e lamentata da alcuni cittadini, e documentata anche dal nucleo ambientale della polizia locale e dall’ufficio Ambiente diretto da Luciano Orlandino, l’amministrazione comunale del sindaco Francesco Errico ha dato disposizione alla ditta di igiene ambientale della Navita srl di provvedere nelle scorse settimane alla rimozione dei cassonetti stradali per il conferimento dei rifiuti urbani e di attivare anche in zona Pizzo il servizio di raccolta porta a porta.

Disposizioni messe nero su bianco anche dalla recente ordinanza firmata dal dirigente dell’ufficio tecnico, Giuseppe Cataldi, con la quale proprio in riferimento all’appalto in essere di igiene ambientale, ha disposto l’avvio della raccolta dei rifiuti con il sistema porta a porta anche nella località di Lido Pizzo e dintorni. In questi ultimi giorni di giugno si è provveduto quindi alla rimozione dei cassonetti stradali degli rsu ed in animo di completarsi anche la distribuzione delle attrezzature (bidoncini e carrellati) e del materiale illustrativo necessario all'avvio del nuovo servizio a tutte le utenze presenti in quella località. Il tutto per consentire l’avvio della raccolta differenziata di materiale umido e materiale recuperabile (plastica, vetro, carta) a partire dal prossimo 1° di luglio. Il tutto per uniformare tra l’altro il sistema di raccolta dei rifiuti in quella zona dove già da un anno a questa parte c’è stata l’estensione del servizio di raccolta differenziata anche nella marina limitrofa di Mancaversa da parte del Comune di Taviano.SDC11342-2

Anche in seguito a questa novità avviata lo scorso anno, vista l’assenza ormai dei cassonetti nella marina, molti utenti hanno preferito continuare a disfarsi dei rifiuti, anche speciali, gettandoli all’interno dei vicini cassonetti presenti a lido Pizzo e abbandonandoli anche nelle immediate vicinanze creando delle vere e proprie mini-discariche a cielo aperto. Con l'estensione del sistema di raccolta “porta a porta” da parte delle ditta Navita, che non comporta ulteriori oneri per il Comune di Gallipoli, anche nella zona Pizzo si punta ad incrementare la percentuale di differenziata e di scongiurare soprattutto il deposito di rifiuti da parte di soggetti esterni e non residenti in quelle zone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppi rifiuti “scaricati” a Lido Pizzo. Via i cassonetti e nuova raccolta

LeccePrima è in caricamento