Martedì, 3 Agosto 2021
Gallipoli

Mobili e rifiuti gettati nella focara. Lavoro extra per la “Fabbrica”

Oltre a fascine, arbusti e palme secche nella pira per la tradizionale focareddha nella zona di via Zacà sono state riversati masserizie, mobili in disuso e assi di legno. Bonifica di volontari e operatori. Domani la Festa del fuoco

Foto de "La fabbrica del Carnevale"

GALLIPOLI – Non solo fascine, arbusti, palme secche e residui di potature nella pira per la tradizionale focareddha in quel di Gallipoli che ha rischiato di diventare una comoda discarica a cielo aperto. Per fortuna solo per poco. Visto che il lavoro sinergico dei volontari della Fabbrica del Carnevale e del personale della ditta Navita sta cercando in queste ore di mettere in ordine le cose in vista dell’accensione della “Festa del fuoco” programmata per il tardo pomeriggio di domani.

Una situazione al limite ancora una volta visto che nei giorni scorsi più di qualcuno, forse e a non voler essere troppo critici magari pensando bene o ingenuamente di poter fornire un contributo per alimentare la focara nel largo di via Zacà, ha riversato nei pressi della focara una buona dose di masserizie, mobili in disuso e assi di legno da smaltire. Magari dimenticando tra l’altro che percorrendo solo poche centinaia di metri più in là, in via Pasolini, c’è a disposizione l’ecocentro comunale o magari tralasciando di meditare di poter chiamare il numero verde della ditta di raccolta dei rifiuti ingombranti. Ma tant’è.

Ora dopo una prima scrematura e pulitura da parte dei volontari (che hanno abbandonato per alcune ore il lavoro di allestimento della kermesse e della realizzazione dei carri allegorici) nella zona della focareddha è stato fissato anche un cartello eloquentfoto 3-6-22e per invitare tutti a non scaricare rifiuti di alcun genere nella zona. E si spera che i rifiuti impropri vengano smaltiti quanto prima. Una piccola parentesi per innalzare il senso civico che comunque non interferirà sul programma della “Festa del fuoco” di domani messa appunto dalla “Fabbrica del Carnevale” e dall’amministrazione comunale con il supporto della Pro loco e dei partner privati.

Sfidando la superstizione infatti si apriranno alle 17 di domani i festeggiamenti  del Carnevale di Gallipoli partendo dal centro storico. E come da tradizione il periodo più divertente e colorato dell’anno inizierà con l’accensione della focareddhra nella zona sterrata di via Francesco Zacà.

Dal palazzo di città in via Antonietta De Pace, l’araldo annuncerà che per tutta la durata del Carnevale, Re Candallino e sua maestà Mendula Riccia (maschere realizzate da sarte gallipoline, simboleggianti i regnanti del periodo di Carnevale), prenderanno possesso della città di Gallipoli ed apriranno ufficialmente i festeggiamenti del Carnevale. Il corteo reale con gli sbandieratori del rione San Basilio di Oria, percorrerà  piazza Imbriani, il ponte secentesco, corso Roma e corso Capo di Leuca  intorno alle 19 i regnanti del Carnevale accenderanno la focareddhra ed a seguire tanta musica con dj Solero vs Gerry Gala.

 
     

            

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobili e rifiuti gettati nella focara. Lavoro extra per la “Fabbrica”

LeccePrima è in caricamento