Notizie da Gallipoli

Giocano a carte nel circolo: la polizia irrompe e sanziona cinque cittadini

È accaduto a Gallipoli, nel pomeriggio: chiusura provvisoria per cinque giorni dell’attività. Il titolare segalato al prefetto di Lecce

Foto di archivio.

GALLIPOLI – Altro assembramento a Gallipoli: la polizia ferma cinque cittadini all’interno di un circolo privato. È accaduto nel pomeriggio, quando gli agenti del commissariato locale, diretto dal vicequestore Monica Sammati, hanno eseguito un controllo amministrativo per contrastare gli assembramenti in città e contenere il contagio anche nella “fase 2” dell’emergenza sanitaria.

In un centro ricreativo gallipolino, sono stati sorpresi in cinque, tutti del luogo a fumare e giocare a carte: tre di loro tre con precedenti penali alle spalle. Il locale, risultato peraltro completamente privo di finestre, era allestito con tavoli da gioco, biliardi e un angolo bar per la somministrazione di alimenti e bevande. Al titolare è stata contestata la chiusura provvisoria dell’attività di circolo ricreativo per la durata di 5 giorni.

Lo stesso sarà segnalato al prefetto di Lecce per la valutazione dell’adozione della misura amministrativa accessoria della chiusura dell’attività fino a 30 giorni. Sono in corso accertamenti per la verifica dei titoli amministrativi per il gioco e per la somministrazione di alimenti e bevande. Tutte le persone presenti sono state sanzionate ai sensi della normativa anti-contagio per un importo di 400 euro ciascuno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

  • Parte un colpo mentre pulisce l’arma: ferita la fidanzata, indagato 38enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento