Martedì, 27 Luglio 2021
Gallipoli Via Vittorio Alfieri

Braccio di ferro Comune e ambulanti. E l’area del mercato è uno scempio

Dalla scorsa settimana e sino a questa mattina la zona del mercato di via Alfieri invasa di rifiuti, cartoni e cassette di mercanzia abbandonata e in putrefazione. L'ira dei residenti: "Qui igiene a rischio". E arriva la pulizia

GALLIPOLI – La situazione igienica e ambientale dell’area mercatale di via Alfieri è giunta ad un punto di non ritorno. O quasi. E nel braccio di ferro, che pare sia intercorso da un paio di settimane tra il Comune e i commercianti ambulanti che frequentano l’area per il mercato settimanale del mercoledì, a farne le spese sono il decoro, la pulizia e la pazienza dei residenti. Una situazione raccapricciante, documentabile più visivamente che con lo scandire della tastiera per raccontare lo scempio e l’ira funesta di diversi abitanti della zona di via Alfieri e delle zone limitrofe. Un intero quartiere in subbuglio, compresi diversi operatori commerciali (supermercati, bar, rivendite di prodotti ittici) che con le focose sciroccate e con i prodotti abbandonati ormai da una decina di giorni e in putrefazione, lamentano uno stato igienico al collasso.

Il pomo della discordia è proprio legato alla pulizia dell’area mercatale, servizio da sempre svolto con puntualità dagli operatori ecologici della ditta d’igiene ambientale, ma che ha visto una drastica presa di posizione dinnanzi al continuo abbandono dei rifiuti e degli scarti della vendita da parte dei commercianti ambulanti. Una situazione non più tollerabile, visti i continui richiami da parte degli uffici comunali proprio alla categoria degli ambulanti che hanno il posto assegnato al mercato, di utilizzare i bidoni presenti nell’area di lasciare, per quanto possibile, l’area in condizioni di decoro e decenza. Inviti caduti sempre nel vuoto.

Da qui è andato in scena una sorta di “sciopero bianco” da parte degli addetti alla pulizia che per due settimane non hanno recuperato all’interno del recinto del mercato (ma con il vento molte cartacce e cartoni hanno anche invaso la strada e la pineta adiacente) i rifiuti abbandonati impropriamente. Il risultato è stato quello di visionare, sino a questa mattina, l’area mercatale come un vero e proprio campo di battaglia. O peggio. Scatoloni, cassette e imballaggi, piuttosto che bottiglie e buste di plastica abbandonati per diversi giorni. Ma soprattutto gli scarti delle mercanzie alimentari: frutta, pollame e ortaggi che con il caldo e l’invasione degli insetti (e a detta dei residenti anche di ratti e scarafaggi) hanno reso la zona pressoché invivibile e indecorosa.

Situazione di stallo che comunque sembra in via di risoluzione proprio in queste ore su interessamento del sindaco Francesco Errico, del comando dei vigili e dei responsabili della società della raccolta dei rifiuti. Dopo due settimane (l’ultima pulizia effettuata risalirebbe al martedì della scorsa settimana) l’area dovrebbe essere interessata da un’operazione di pulizia straordinaria e di bonifica. E’ quello che si augurano i residenti di via Alfieri, in attesa che anche gli ambulanti imparino a rispettare il loro luogo di lavoro. Da segnalare anche che proprio nell’area mercatale da oggi e sino al 12 agosto si sarebbe dovuta svolgerà la sagra della musica, già annullata dagli organizzatori per motivi tecnici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Braccio di ferro Comune e ambulanti. E l’area del mercato è uno scempio

LeccePrima è in caricamento