Mercoledì, 4 Agosto 2021
Gallipoli

Blitz della guardia costiera nel lido Zeus: difformità e sequestri nell'area

Alcune opere sono finite sotto la lente degli uomini della capitaneria di porto, che hanno apposto i sigilli. E' il secondo episodio nel giro di pochi giorni. E nelle vicinanze, verificato anche lo sbancamento di una duna, con denuncia contro ignoti

GALLIPOLI – Ancora controlli della guardia costiera e nuovi sequestri parziali di strutture nei lidi gallipolini. Dopo che nei giorni scorsi gli uomini della capitaneria di porto hanno ravvisato presunte irregolarità nel lido “Zen”, quest’oggi, a finire sotto la lente, sono state alcune opere realizzate all’interno dello stabilimento “Zeus”.  Anche in quest’occasione sono stati i militari della guardia costiera ad apporre i sigilli, nel corso di un sopralluogo avviato questa mattina, con verifiche su uno spazio di poco meno di 50 metri quadri.

Sarebbero dunque emerse alcune occupazioni abusive di demanio marittimo, ma anche irregolarità nella realizzazione di opere nello spazio dato in concessione. Di conseguenza, è sopraggiunto il sequestro di quella porzione di arenile interessata dalle presunte difformità, con denuncia all’autorità giudiziaria del concessionario, per i reati di occupazione abusiva di spazio demaniale e realizzazione di innovazioni non autorizzate.

Fra le altre cose, nell’inventario stilato dalla guardia costiera sono finiti quattro divani, tre ombrelloni (di cui uno con un supporto di legno), alcuni lampadari e altri accessori, ma soprattutto una scalinata di legno estesa per alcuni metri sulla battigia. Si tratta, anche questa volta, di un sequestro parziale che non pregiudica le altre attività del lido “Zeus”, le quali vanno avanti, rimanendo lo stabilimento aperto al pubblico.  

I controlli, ad ogni modo, non sono terminati lì, ma si sono estesi anche nell’area accanto allo stabilimento, dove i militari hanno verificato lo sbancamento del cordone dunale, che ha provocato di conseguenza anche la distruzione della flora. In questo caso, la denuncia è stata spiccata contro ignoti. L’ipotesi di reato, deturpamento di bellezze naturali.

Quella della guardia costiera gallipolina sembra inaugurare, proprio all’inizio dell’estate (tempo permettendo) una nuova stagione di controlli serrati, che seguono a ruota quelli eseguiti negli ultimi mesi dai carabinieri della compagnia di Campi Salentina nella zona litoranea compresa fra Porto Cesareo e marine.

E i controlli che proseguiranno anche nelle prossime settimane. A tale proposito, la stessa capitaneria lancia un appello ai cittadini, chiedendo la loro collaborazione: quanti siano testimoni di illeciti di qualsiasi tipo ai danni dell’ambiente costiero e marino, sono invitati a segnalare senza indugio i fatti al numero 0833-266862.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz della guardia costiera nel lido Zeus: difformità e sequestri nell'area

LeccePrima è in caricamento