Gallipoli

Oltre 20 chili di pesce in cattivo stato di conservazione. Deferito un venditore

I militari della capitaneria di porto di Gallipoli hanno denunciato un uomo del luogo, perché sorpreso a vendere prodotti ittici nocivi per la salute. Dalle analisi eseguite dal personale della Asl, la merce non è risultata idonea la consumo

Il pesce sequestrato dalla capitaneria di porto

GALLIPOLI – Pesce venduto, sotto il sole precoce e cocente degli ultimi giorni, in cattivo di stato di conservazione. E’ accaduto nel corso della mattinata a Gallipoli, dove un commerciante è finito nei guai, dopo essere stato sorpreso dai militari della guardia costiera.

Gli uomini della capitaneria di porto della Città bella, infatti, per bloccare la vendita di prodotti ittici avariati o comunque nocivi per la salute dell’uomo, dispongono sempre più spesso controlli ed ispezioni tra le bancarelle del porto commerciale della cittadina, per evitare conseguenze ai consumatori ignari. Magari a turisti in visita, che possono più facilmente incappare in raggiri di questo tipo.

Il venditore, un uomo del luogo,  è stato deferito mentre tentava di commercializzare il pescato dai militari, i quali hanno subito allertato il personale dell’Azienda sanitaria locale, che ha provveduto ad  analizzare i 21,7 chilogrammi di pescato, poi finito al macero perché non idoneo al consumo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 20 chili di pesce in cattivo stato di conservazione. Deferito un venditore

LeccePrima è in caricamento