Domenica, 26 Settembre 2021
Gallipoli

Qualità della vita nel centro storico e opportunità per i giovani: a Gallipoli una tavola rotonda

Se ne parlerà in un incontro pubblico sabato 18 settembre, presso la rotonda del Lido San Giovanni sul litorale gallipolino, a partire dalle 19

GALLIPOLI - Il centro storico di Gallipoli negli ultimi anni ha subito una metamorfosi di vera e propria gentrificazione dovuta all’enorme impatto dell’industria turistica e ricettiva. Se ne parlerà in una tavola rotonda sabato 18 settembre, presso la rotonda dello storico stabilmento del Lido San Giovanni della città bella, a partire dalle 19.

Questa situazione ha provocato un vero esodo della popolazione verso altri quartieri della città. Tale impoverimento pesa sulla qualità della vita di chi è rimasto, in gran parte anziani, anche perché molti dei servizi di vicinato sono attivi durante la stagione estiva e cessano nel resto dell’anno proprio a causa dell’esiguo numero di residenti.

La popolazione over 65 è numerosa nel centro storico di Gallipoli e nella maggior parte dei casi, si trova ad affrontare da sola, molteplici carenze assistenziali, economiche, previdenziali ed affettive. Carenze che fanno, di questa realtà, un laboratorio formidabile per affrontare quelle generate dall’evoluzione della società occidentale in generale, sempre più attenta solo a chi produce ricchezza e meno disponibile a sostenere il prossimo che, nell’immaginario collettivo, è considerato improduttivo.

Ovviamente il tessuto sociale del territorio necessita di una rigenerazione che riguarda un aspetto profondo: quello delle relazioni tra le persone e quello tra le relazioni e le attività produttive e commerciali. Per ricostruire tessuti sociali deboli o inesistenti, è necessario ripartire dalle fondamenta delle comunità, ossia dalle persone e dalle famiglie, puntando sulla creazione di legami fiduciari.

Partendo da queste premesse, nel 2020, l’associazione di promozione sociale Gea ha avviato il progetto “A Misura di tutti”, vincitore del bando “PugliaCapitaleSociale2.0” indetto dalla Regione Puglia.

Coordinato dallo psicologo e psicoterapeuta, Antonio Coco, il progetto si è proposto di  coinvolgere associazioni presenti sul territorio, intercettare risorse e rispondere ai bisogni di questa fascia di popolazione.

Alla tavola rotonda saranno presenti Roberti Piro, dell’Associazione Abitanti e Amici del centro storico; Rosario Polizzi, presidente Comitato tecnico scientifico Università degli Studi di Bari - Comune di Gallipoli; Eugenio Filograna - Centro Studi Ameco e con i contributi di  Antonio Pepe - presidente Organizzazione mondiale salute e alimentazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità della vita nel centro storico e opportunità per i giovani: a Gallipoli una tavola rotonda

LeccePrima è in caricamento