menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovi occhi elettronici sulla Città Bella. Potenziato il sistema di videosorveglianza

Dal ministero dell’Interno garantiti i fondi pari a 40 mila euro per installare otto nuove telecamere a presidio degli ingressi della città e della zona del parcheggio di via Zacà e dell’area cimiteriale. Il progetto integrativo voluto dal commissario Aprea rientra nel programma Pon sicurezza

GALLIPOLI – Si estende la rete degli occhi elettronici a presidio e controllo del territorio gallipolino. E molto presto altre otto nuove telecamere saranno poste a presidio di almeno tre punti “sensibili” del territorio ionico, individuati e segnalati all’ufficio tecnico comunale dal coordinamento delle forze dell’ordine nella riunione operativa di fine ottobre, e in particolare anche sulle vie di ingresso della città bella.

Nel dettaglio il progetto prevede l’istallazione di otto nuove telecamere di ultima generazione che andranno a coprire un’area superiore ai due chilometri e che saranno posizionate in punti strategici e che con il loro raggio di azione andranno a coprire anche gli ingressi che conducono alla cittadina ionica, ovvero quello sul versante nord di via Lecce e quello della ex provinciale per Taviano, ossia la via Francesco Zacà, con particolare attenzione all’area del parcheggio e della zona cimiteriale. 

Come già anticipato dal prefetto Claudio Palomba e dal commissario straordinario Guido Aprea, nell’ambito della manifestazione presso il castello Angioino per la sottoscrizione della pre intesa per il “Patto Integrato per la sicurezza”, il Comune di Gallipoli ha infatti chiesto ed ottenuto un finanziamento di oltre 40mila euro per completare il sistema di video sorveglianza. Il finanziamento, che rientra nei fondi Pon sicurezza 2007-2013, è stato ottenuto grazie alla presentazione di una dettagliata relazione tecnica e della relativa delibera da parte del commissario straordinario attraverso cui si è poi ottenuto il via libera da parte del ministero dell’Interno per ottenere le ulteriori risorse messe a disposizione delle amministrazioni pubbliche.

 “Decisamente una buona notizia per Gallipoli” commenta il commissario Aprea, “con un progetto che va a rafforzare quel cammino che abbiamo voluto intraprendere anche attraverso la sottoscrizione della pre intesa e che mira essenzialmente a migliorare e qualificare gli standard di sicurezza per la comunità e il territorio gallipolino. Un intervento che sicuramente sarà un utile strumento per il quotidiano lavoro delle nostre forze dell’ordine e per contribuire a garantire il rispetto della legalità e dell’ordine pubblico”.

Il nuovo sistema di controllo, incrementato con le otto nuove telecamere, porterà quindi a compimento il progetto del 2012, voluto dall’allora commissario straordinario, Mario Ciclosi, che con il suo primo atto d’insediamento aveva disposto l'adesione della città di Gallipoli al programma "Pon Sicurezza per lo Sviluppo-Obiettivo Convergenza 2007-2013", promosso dal Ministero dell'Interno (dipartimento di pubblica sicurezza) per il tramite delle prefetture territoriali.

Grazie al progetto “Città video-sicura” l’amministrazione comunale era già riuscita ad ottenere un finanziamento pari a 217 mila euro grazie al quale sono state poi installate ventuno telecamere (impianto realizzato dalla ditta Onlicom di Corato) per rendere più sicure le zone maggiormente frequentate e d’interesse del centro storico gallipolino: da piazza Imbriani, alla cattedrale, al castello e l’ex mercato coperto (ora galleria dei Due Mari), i palazzi gentilizi, via De Pace e le riviere. Completando così il circuito già in dotazione al Comune e predisposto dalla Telecom, tramite la società Teleleasing, “puntato” invece in altre zone cittadine e in particolare sugli istituti scolastici di competenza comunale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento