Notizie da Gallipoli

Rubano zaino dal cestello della bici: tre turisti incastrati dal modello del veicolo

Giovani turisti napoletani, in vacanza a Gallipoli, denunciati per furto aggravato. A Tuglie, sfuma il colpo in gioielleria

Foto di repertorio

GALLIPOLI – Furti tentati. E furti riusciti: ma soltanto per metà. Sono due gli episodi rilevanti accaduti nelle ultime ore, nella zona del Gallipolino. Il primo nella Città Bella, il secondo nella vicina Tuglie. Al commissariato della cittadina ionica è giunta la telefonata di un uomo che ha riferito di essere stato vittima del furto dello zaino da parte di tre giovani, poi, scappati a bordo di una  Fiat 500 di colore nero. Il  malcapitato ha fornito agli agenti soltanto una parte della targa, annotata nei pressi di un noto residence della zona. La nota è stata diramata dalla centrale operativa e, nel giro di poco tempo, i poliziotti hanno notato una vettura simile a quella descritta dalla vittima. A bordo del mezzo, due giovani turisti provenienti dalla provincia di Napoli, e immediatamente identificati. Si tratta di B.C, di 22 anni e di F.G., di 20.

Gli agenti hanno avviato una perquisizione del veicolo e, nel frattempo, fatto sopraggiungere l’uomo che aveva chiesto aiuto. Quest’ultimo ha riconosciuto i due fermati, come gli autori del furto dello zaino, asportato dal cestello della biciletta all’interno del residence. I due sono stati accompagnati  presso gli uffici del commissariato per ulteriori accertamenti. A seguito della denuncia, nell’esposizione dei fatti da parte della vittima, è emerso che a rubare materialmente lo zaino dalla bici è stato un terzo ragazzo, assente al momento del fermo effettuato dalla pattuglia di polizia. A confermare il tutto, i due ragazzi fermati. Si trattava di B.A., di 21 anni, fratello di uno dei due.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rintracciato telefonicamente, il giovane turista si è presentato negli uffici di polizia per consegnare parte della refurtiva che era presente all’interno dello zaino. Su disposizione del pm di turno, Carmen Ruggero, i tre ragazzi sono stati denunciati in stato di libertà, per il reato di furto aggravato in concorso. Un episodio dal lieto fine, molto simile all’altro, avvenuto sempre nella Città Bella, in cui due individui sono stati fermati dopo aver rubato uno zaino e un portafogli a due vacanzieri, all’interno di due distinti lidi. A Tuglie, invece, nella notte, un colpo è sfumato grazie al sistema di allarme. I ladri hanno provato a mettere a segno un furto in una nota gioielleria del paese, ma senza riuscirci. Si sono dileguati prima che potessero giungere le forze dell’ordine. Fortunatamente, dunque, non è stato portato via nulla. L’autovettura utilizzata, inoltre, sarebbe stata ripresa dai filmati delle videocamere di sorveglianza, ora al vaglio dei carabinieri della compagnia di Gallipoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento